venerdì 26 dicembre 2014

Le sanzioni contro la Russia, un boomerang


Diversamente da quello che vorrebbero far credere ai poveri cittadini, ignari di essere amministrati da dei delinquenti, l’aggressione al Rublo è già fallita:
Il rublo ha rimbalzato moltissimo dopo l'aggressione speculativa.Per giorni e giorni gli analisti mainstream ci hanno inondato, dall'alto dei loro pulpiti televisivi e giornalistici, che la fine del "regime" russo era vicina. Secondo loro, i cosiddetti mercati finanziari avevano mostrato il pollice verso nei confronti di questa nazione destinata a rivedere i giorni della penuria dell'epoca di Boris Eltsin. (L’ubriacone che vendette la Russia agli americani e che Putin si è ripresa. NDR)
I mercati – (ci spiegano i media) avevano emesso la sentenza che anche la Russia, come qualunque nazione al mondo, doveva chinare il capo di fronte alla loro divina volontà.
Tralasciando i dubbi e le perplessità su una simile strategia, ciò che lascia sbalorditi è che da alcuni giorni questa litania massmediatica sia completamente scomparsa: blackout. Perché? Dovremmo chiederlo ai giornalisti che prima parlavano e ora tacciono: secondo loro, il destino è già segnato oppure è successo qualcosa che forse è meglio nascondere? Qualcosa che sconfigge sia con la narrazione proposta nell'immediato (la Russia in crisi), sia con la metanarrazione di sempre, quella che deve vedere l'Aquila imperiale americana sempre trionfante nel mondo?

Dal mercato, abbiamo verificato che è successo qualcosa degna di nota da quando è calato il blackout informativo sulla "crisi del Rublo".

Il Rublo ha recuperato il 30% del suo valore sull'Euro (e sostanzialmente il recupero è stato della stessa misura sul Dollaro).

Cosa è successo di così importante da portare ad un recupero altrettanto spettacolare rispetto all'attacco speculativo che aveva spinto la moneta russa nell'abisso? A leggere i giornali occidentali non è accaduto assolutamente nulla. Anzi ripetiamo, l'argomento è caduto in un oblio che sa di censura.
Ma andando a verificare sui siti in lingua russa qualcosa di molto importante è invece accaduto, che i media occidentali nascondono.

Come si sa le banche centrali della Russia e della Cina hanno firmato dei contratti (swap) per scambiarsi direttamente le loro valute senza l'intermediazione del Dollaro. Il tasso di cambio previsto da questi contratti era pari a 5,67 rubli per 1 yuan renminbi. Considerato che lo Yuan viene scambiato con le altre valute (Dollaro compreso) all'interno di una banda di oscillazione del 2% rispetto ad una parità centrale stabilita dalla Banca Centrale Cinese, si viene a creare una particolare situazione nella quale qualcuno (leggi la Russia) può vendere yuan (ottenuti al cambio stabilito dal contratto swap) in cambio di dollari e con questi ultimi acquistare rubli.

Acquistando rubli ne aumenterebbe immediatamente il valore rispetto al Dollaro e ciò esporrebbe a enormi perdite coloro che hanno venduto rubli "allo scoperto" (senza possederli) sperando di riacquistarli successivamente e dunque confidando che si siano svalutati al fine di lucrare la differenza.
Insomma, per la Banca Centrale russa si aprirebbe grazie all'assist della PBoC (banca centrale cinese) la possibilità di effettuare un enorme operazione di "arbitraggio” tale da esporre a enormi perdite coloro che speculavano contro il Rublo. Confermando il cambio sullo swap i cinesi hanno offerto un arbitraggio del 100% ai russi. Roba da far saltare tutti gli speculatori in un paio di giorni.

Che le cose siano andate in questo modo lo prova il silenzio nella quale è caduta "la crisi del rublo" sui media mainstream. Silenzio talmente impenetrabile che i lettori più sprovveduti probabilmente non sanno nulla del recupero del Rublo rispetto al Dollaro e all'Euro e sono probabilmente convinti che i russi siano in preda ad una crisi isterica per l'impossibilità di comprare IPod e dove - addirittura - le classi meno abbienti stanno già patendo la fame per il rincaro delle derrate alimentari.

Meglio stendere un velo pietoso su questa cappa di omertà che avvolge i media occidentali e che sempre più assomiglia ad una plumbea forma di censura, (e inganno dei cittadini occidentali. NDR.)
Concentriamoci per un attimo sull'aspetto veramente importante di questa situazione: i mercati finanziari occidentali, che spesso hanno attaccato i paesi considerati non allineati con le posizioni dell'Impero, per la prima volta nella storia non sono riusciti a distruggere la moneta e di conseguenza l'economia del paese sotto attacco, ma sono andati incontro ad una vera e propria Caporetto di portata storica. Ormai a comandare è quella che anche per l'FMI è diventata la prima economia del mondo: la Cina.

Nel frattempo l'Aquila imperiale americana è rientrata un po' malconcia nel suo nido, probabilmente a meditare vendetta.

Da constatare che però quest'aquila spennacchiata, per non veder smentita la metanarrazione che deve vederla sempre trionfante, ha dato l'ordine ai suoi corifei di propagandare l'ultima assurda balla: la crescita del suo PIL del 5%. Un PIL di cartapesta come i carri del Carnevale di Viareggio.

(NDR)
La balla della crescita del 5% è data dal fatto che un paese in crescita non mantiene il tasso d’interesse allo 0% come è quello USA. Quando il tasso d’interesse è allo 0% significa una sola cosa per i mercati mondiali: che quella nazione è in recessione.
Gli Americani con la loro cieca politica estera, e la folle illusoria presunzione di poter controllare il mondo, non si sono ancora resi conto che stanno accelerando il loro declino e quello Europeo, avvicinando sempre di più la Cina alla Russia, e la Russia e la Cina all’India. Insieme rappresentano una forza incontrastabile sia economicamente che militarmente. Come dire che il diavolo per apprestarsi a fare tantissime pentole, dimentica di fare i coperchi ….e senza coperchi, l’acqua non bolle e la pasta non si può buttare……

Grazie America.... Per volere tutto, perdi "tutto".

P. S.
Negli ultimi tempi, grazie alla sistematica demolizione dell’economia europea perché le multi-nazionali USA e Inglese vogliono prendersi tutto incurante del destino degli europei, gli italiani stanno, incominciato ad emigrare in quei paesi della comunità che economicamente per ora sono messi meglio di noi. Il mio consiglio, è quello di emigrare in Russia, perché è uno dei pochi paesi al mondo in grado di offrire lavoro, dignità, bellezza artistica, e amicizia sincera. (Naturalmente se la Russia lo rende possibile.) Ma anche perché la Russia è la nazione che investe nella scienza più di ogni altro paese al mondo. Come dire che sono loro i destinatari del futuro.

Per saperne di più:
http://italian.ruvr.ru/2014_12_25/La-prima-aggressione-al-Rublo-e-gia-fallita-3240/

martedì 23 dicembre 2014

Russia Mon Amour

Mosca sotto la neve - 2014

Nel momento stesso che gli USA pretendono che l’Europa, rispetti le sanzioni contro la Russia con gravi conseguenze per la propria economia, aggravata da una crisi economica che pare insormontabile, gli USA con grande sorpresa dello stesso presidente Putin, gli scambi commerciali tra gli USA e la RUSSIA nel 2014 sono aumentati del 7% - Alla faccia dei paesi europei che tirano la cinghia…..

Come è nel rituale degli USA, due pesi e due misure, anche per quanto riguarda le sanzioni tra Russia e Europa. Lei invece alla faccia dei servi europei, incrementa lo scambio commerciale con il nemico del 7%. Vuoi vedere che è giunto il momento che l’Europa prende coscienza che gli USA guardano esclusivamente ai propri interessi e dell’Europa, se ne fregano alla grande? Anzi sotto sotto, lavorano per ridimensionarla e impoverirla per renderla maggiormente asservita?

Per saperne di più:

Con l’occasione faccio mia la raccomandazione, di Mikhail Gorbachev: Occorre fermare l'America. Fermarla in modo amichevole.
Bisogna fermare l’America prima che faccia ulteriori danni alle popolazioni della terra, e all’eco-sistema sia per il massiccio impiego di OGM, sia per le Scie Chimiche per modificare la bio-sfera del pianeta. (Aggiungo io). Fermarla in modo amichevole.

Per saperne di più:

E nel contempo, faccio i miei più grandi auguri di buone feste e di buon anno, al presidente PUTIN e al suo popolo che definisco l’anima mistica del pianeta.
La Russia per il mondo rappresenta una grande muraglia tra le forze del male che governano l’Occidente, e i principi sacri di umanità, della grande RUSSIA. Un popolo generoso, con una grande storia: la capacità di soffrire e di grande forza, che mai nessuno in questo mondo potrà piegare, semplicemente perché rappresenta i valori umani, le capacità creative, la difesa della famiglia, (che l’Occidente difende solo a parole) e il rispetto per la diversità culturale dei popoli senza ambiguità. Che nel mio linguaggio significa che ad un bambino nessuno ha il diritto di privarlo di una madre; di una madre vera. Soprattutto perché l’Occidente sotto la guida USA, sta perdendo i valori fondanti del vivere da esseri umani, per renderci sempre di più, simili alle macchine. E mi riferisco anche alle coppie gay che nei maggiori paesi europei possono adottare bambini. Personalmente, nonostante il rispetto e la libertà sessuale, la famiglia è composta da Madre, Padre, e figli. Le altre soluzioni sono contro il buon senso e la natura. In Russia questo diritto è garantito e lo sarà sempre perché il popolo Russo, ama la famiglia e i valori umani più del danaro. Diversamente dai governanti occidentali che se ne fregano dei cittadini, ormai ridotti a sudditi, pur di poterli fruttare per i propri interessi. Più sono caotici e ignoranti, maggiore è il loro business. Altro che democrazia e rispetto delle libertà.

In virtù di quanto sopra, auspico che la Russia diventi sempre più forte in tutti i sensi. E non certo per piegare altri popoli, oppure ergersi a guida, ma essere di esempio e per impedire ad altri di piegarla ai suoi criminali e satanici intenti.

venerdì 12 dicembre 2014

Medici come killer



Se volete che i vostri bambini crescano sani, affinchè possano crescere forte per affrontare la vita anche se sempre più precaria, non portate dai pediatra il vostro bambino per ogni stupidaggine, perchè i medici in generale, salvo rare eccezioni, sono più pericolosi di qualsiasi malattia. Ma soprattutto perché i farmaci che vi prescrivono quasi sempre sono delle bombe chimiche che per farvi passare un mal di testa, oppure un bruciore di stomaco, possono provocare un ictus, oppure una emorragia interna. Ma soprattutto perché i farmaci non curano. Al massimo alleviano i sintomi. La vera medicina, quella degli antichi è stata messa fuori legge, come per esempio la marijuana, e tante altre erbe mediche, perchè non potevano essere brevettate e perchè costavano spiccioli.. Posso affermarlo tranquillamente perché è scientificamente dimostrato. Imparate a curarvi da soli. E' possibile. Dovete solo provarci. Avere fiducia in voi stessi. Ma più di tutto, dovete essere consapevoli che il 90% delle malattie importanti, insorgono perchè vi alimentate in modo sbagliato. Seguire un regime alimentare consapevole, impedisce al corpo di ammalarsi. La prima cosa che dovete fare, è rinunciare alla carne, perchè è responsabile delle più importanti patologie ... compreso il tumore. Rinunciare alla carne, non per rispetto verso l'ambiente e gli animali che sono esseri intelligenti come noi, e come noi amano e soffrono, ma per voi stessi. Ma se proprio non potete evitare di ingurgitare ogni tipo di veleno, per cercare di recuperare un minimo di salure, rivolgetevi alla medicina alternativa, perchè quella "nota", non solo non cura, ma si rischia di diventare cavie, o di essere curati per malattie che non avete. Il video sopra nè è una prova. Questi "medici pediatri" ... (si fa per dire), sono dei veri killer. Pur di guadagnare sempre di più non si fermano neppure di fronte a dei bambini. In un paese serio verrebbero decapitati, invece da noi se la cavano con poco. E per colmare l'infamia, con la nuova legge, se il medico ammazza un vostro parente, oppure causa gravi lesioni, perchè magari invece di operare la gamba malata opera quella sana, non è più il medico che deve dimostrare di non aver commessi errori, (o meglio orrori) ma devono essere i parenti o il paziente a dimostrare di aver subito un danno dal chirurgo. In altre parole, grazie al nuovo governo di stampo vecchia DC, con a capo il grande illusionista Renzi, equivale a depenalizzare il reato di malasanità. E siamo solo all'inizio......

domenica 30 novembre 2014

In Russia sarà creata l'antipubblicità dei fastfood



Canali televisivi a diffusione federale (nazionale) lanceranno sullo schermo l'antipubblicità dei fastfood. L'iniziativa è stata proposta dall'Assemblea Pubblica della Federazione Russa.

Ognuno conosce il danno arrecato da fastdood. E la maggioranza concorda perfino che le porzioni di macinato di pollo fritto oppure una cotoletta coperta da due pezzi di pagnotta bianca avranno un effetto negativo sulla figura, pelle, digestione. I punti di fastfood invece sono sempre pieni, mentre i clienti non rinunceranno mai a concedersi un barattolo di coca cola ghiacciata oppure un hamburger, dal quale spunta in un modo appetibile una salubre foglia d'insalata oppure una fetta di pomodoro. Tutte queste persone sono vittime di una pubblicità abilmente confezionata. Perciò anche per combattere il cibo dannoso ci vuole la pubblicità, sono giunti alla conclusione i membri dell'Assemblea Pubblica della Federazione Russa.

Se invece sono i produttori per pagare la pubblicità dei propri prodotti, versando le somme notevoli, allora l'antipubblicità va messa a carico del bilancio dello stato. Seguendo l'esperienza degli spot pubblicitari sociali già esistenti, si può affermare che rispetto alla forza dell'impatto sulla popolazione degli spot commerciali, essa, purtroppo, perde, fa notare Vladimir Kasiutkin, direttore editoriale della rivista "Giornalismo e il mercato dei media":

La pubblicità sociale in Russia si sta sviluppando. Tuttavia però rispetto alla pubblicità commerciale nel campo sociale ora è impiegato un numero insufficiente degli specialisti. Perciò spesso la pubblicità sociale non funziona. Bisogna coinvolgervi il pubblico e gli esperti. Allora si potrà contrapporre al dannoso fastfood qualcos'altro. Bisogna però far vedere qualcosa di diverso. La gente spesso non sa e non vede come si può nutrirsi a buon mercato e in modo salubre.

Non bisogna dimenticare anche l'aspetto esterno dei piatti salubri che dovrebbero sostituire quelli dei fastfood. Altrimenti la propaganda di una sana alimentazione di per sé si trasformerà in pubblicità di cibi dannosi. Così è avvenuto negli USA. Michelle, la consorte di Barack Obama, un'appassionata fan dell'alimentazione sana, si era fatta la promotrice dell'introduzione nelle scuole di un menù particolare, dove erano assenti sale, zucchero, e i piatti fritti sono stati sostituiti con quelli cotti a vapore. Di conseguenza la rete oggi pullula delle fotografie dei piatti poco appetibili provenienti dalle mense scolastiche. Sono pubblicate nei social network da giovani americani, i quali non solo non possono consumare questi piatti, ma neanche a vedere senza brividi i sostituti delle patatine fritte. E dopo le lezioni i bambini affamati si lanciano all'assalto dei fastfood.

Esiste però il problema di un'influenza negativa dei fastfood sulla salute umana, in particolare sulle giovani generazioni, e va risolto, ritiene Andrei Demin, presidente dell'Associazione russa della salute pubblica:

Bisogna occuparsi del problema dell'alimentazione nel suo insieme. L'antipubblicità di fastfood è uno dei piccoli aspetti. E' necessario far leva sulle reti dei fastfood affinché adottino le misure, anche se non sono economicamente profittevoli, ma necessarie per la salute pubblica, ad esempio, modificando le tecnologie della preparazione dei cibi. Poi bisogna fornire alla popolazione il massimo delle informazioni sui fastfood.

Come un'opzione, gli esperti propongono comunicare in un modo comprensibile ai cittadini la composizione dei prodotti presenti nei menù delle catene più popolari dei fastfood. Per molti, ad esempio, sarà utile apprendere che la composizione dei nuggets di pollo di McDonald's fa parte dimethylpolysiloxane, una sostanza chimica della quale è composta la cosiddetta "gomma da masticare per le mani", un giocattolo simile alla plastilina che non sporca, può liquefarsi e rimbalzare come un pallino! La "gomma da masticare per le mani" però non destinata per cibo.

( Questo articolo mette in chiaro la ragione per cui, gli USA e l’UE, sono contro il modello sociale della Russia, a tal punto che vorrebbero distruggerla, se non fosse tanto potente. E dato che non possono piegarla con l’uso delle armi, le hanno dichiarato la guerra commerciale …. ma anche in questo caso i satanisti USA e UE, non si sono ancora resi conto che a rimetterci saranno loro.)
Provate ad immaginare che i governi occidentali creano una agenzia governativa, antipubblicità dei fastfood, per difendere la salute dei cittadini. Assurdo!!! – Siete d’accordo, vero?

E sapete il perché?

Semplice! – In occidente contano e si difendono esclusivamente gli interessi delle industrie in generale.Della salute dei cittadini, non importa a nessuno, questo perché il cibo spazzatura, sviluppa malattie e grandi quantità di ciccia che a sua volta, è causa di altre malattie, per la felicità delle case farmaceutiche. Difatti non è un caso che soprattutto in USA, il 70% della popolazione è affetta da diverse patologie dovute principalmente dall’obesità per i cibi spazzatura che ingurgita. Meditate gente … meditate.

Per saperne di più: http://italian.ruvr.ru/2014_11_29/In-Russia-sara-creata-lantipubblicita-dei-fastfood-5890/

E per finire, l'Incredibile confessione di un soldato americano:

domenica 23 novembre 2014

Guerra USA RUSSIA


Sostenuta da un potenza militare risorgente, la potente politica estera della Russia espone i limiti dell’avventurismo statunitense indebolendo l’alleanza occidentale.

La Russia è ancora l’unico Paese con la possibilità di cancellare gli USA dalla faccia della Terra. Con 8500 testate nucleari (e almeno 30000 in riserva) le forze strategiche russe sono le più temibili del mondo. Contro tale massiccia potenza di fuoco, gli Stati Uniti hanno 7500 testate nucleari, più altre 20000 in deposito. La differenza non può essere ampia, ma le forze strategiche russe hanno un arsenale molto più potente di quello degli Stati Uniti. Gli statunitensi sanno che in una guerra tra le due potenze, i missili balistici intercontinentali (ICBM) russi, disposti nei silos super-temprati all’incredibile pressione di 6000 psi contro i 300 psi di quelli dei missili statunitensi, sono decisivi. Questa forza da fine del mondo è temprata per sopravvivere non solo a un primo attacco nucleare, ma per penetrare facilmente le difese antimissile esistenti. Gli Stati Uniti non hanno alcuna protezione contro una salva di missili balistici intercontinentali russi. Mosca ha anche un’altra forza da Armageddon. Si tratta dei missili da crociera nucleari lanciati dai suoi potenti bombardieri strategici, i Tu-160 Blackjack, Tu-95 Bear e T-22M Backfire. Blackjack e Bear possono decollare dalle basi nella Russia occidentale e meridionale, sorvolare il Polo Nord e, a distanza di sicurezza, lanciare centinaia di missili da crociera nucleari contro gli Stati Uniti.
Contemporaneamente, i Backfire dal raggio d’azione relativamente breve nell’oriente russo possono lanciare missili da crociera nucleari sulle coste occidentali degli Stati Uniti. Già nel 1980, i russi erano così sicuri dell’esattezza dei loro missili che i Backfire trasportavano solo un missile a testata nucleare Raduga Kh-22 (nome in codice NATO AS-4 Kitchen). Secondo gli esperti Bill Sweetman e Bill Gunston questi missili potrebbero essere “programmati per entrare dalle finestre del Pentagono“. Infatti, proprio la forza dei 195 bombardieri strategici russi, contro i 171 statunitensi, può far sparire la vita umana negli Stati Uniti continentali in un’ora.


Confezionare un nuovo pugno.
Mosca ha una serie di nuove armi che escono dalle linee di montaggio per integrare questi guerrieri freddi. I potenti bombardieri strategici saranno accompagnati dal super-maneggevole Sukhoj Su-27 Flanker e il più recente membro della famiglia Flanker, il Su-35 Super-Flanker, in grado di trasportare un’enorme varietà e numero di carichi bellici. Una delle armi più potenti del Su-35 è la versione propulsa da un ramjet del missile aria-aria K-77 e il missile da crociera Kh-59. Entrambi i velivoli sono quasi invisibili ai radar durante il volo super-maneggevole. La costruzione dei sottomarini nucleari ha un posto di rilievo nella Russia post-sovietica. I nuovi sottomarini d’attacco nucleari della classe Jasen, ne saranno costruiti 10, saranno l’ombra dei sottomarini nucleari dell’US Navy, i “boomers” che si nascondono silenziosamente nelle profondità dell’oceano. Nel 2012, un vecchio sottomarino Akula poté infiltrarsi nel Golfo del Messico e pattugliare le acque degli Stati Uniti per oltre un mese senza essere rilevato dall’US Navy. La forza dei sottomarini strategici è stata rinnovata con i battelli della classe Borej, lunghi 170 metri e armati con 20 nuovi missili balistici Bulava dalle capacità difensive avanzate progettate per penetrare i sistemi di difesa missilistica degli USA. Inoltre, dalla guerra dei cinque giorni in Georgia, nell’agosto 2008, l’esercito russo è diventato più agile, meglio collegato ed armato. Con 300000 soldati e 2500 carri armati (tra cui l’avanzato ‘carro armato volante’ T-90), e con i missili antiaerei e antimissili S-400 e S-500, l’esercito russo ha una potenza di fuoco senza eguali in Europa. La Russia ha circa 845000 truppe da combattimento pronte e quasi 2,5 milioni di riservisti. Gli Stati Uniti hanno 1,4 milioni di soldati in servizio attivo e 850000 riservisti. Ma mentre quasi tutte le truppe russe sono disponibili in Russia, le forze statunitensi sono sparse su 598 basi in tutto il mondo. Come la lenta risposta dei militari statunitensi in Crimea e la continua crisi ucraina dimostrano, affrontare l’esercito russo non è compito per deboli di cuore. Inoltre, dopo anni di lotta incessante e perdite imbarazzanti in Iraq e Afghanistan, le truppe statunitensi sono stanche e demoralizzate, se non ancora mentalmente sconfitte. Le forze armate degli USA sono, quindi, contrarie a un altro impegno militare, soprattutto contro un Paese che ha sconfitto e rovinato Napoleone e Hitler. In ogni caso, l’esercito statunitense, nonostante la spesa per la difesa sette volte superiore a quella della Russia, fornisce poca potenza al dollaro. Il ‘successo’ delle armi statunitensi è dovuta in gran parte alla CNN piuttosto che al campo di battaglia, e anche contro le piccole forze di Iraq, Serbia e Libia. In tale contesto, la rinascita dell’esercito russo ha spazzato via anche la pretesa di un’azione militare contro Mosca. E’ questa scarsa reattività ha costretto gli Stati Uniti e il suo Venerdì, Regno Unito, a scegliere le sanzioni.

Le sanzioni hanno portato a ulteriori sanzioni e controsanzioni, portando alla prospettiva di una guerra commerciale, ma ciò che non hanno compiuto è un cambio politico al Cremlino. Al contrario, la diplomazia calibrata del Presidente Vladimir Putin ha assicurato che la Russia rispondesse all’intero blocco occidentale. Mosca ha anche ricevuto l’ampio sostegno dei BRICS. La forza delle armi russe, al passo con una diplomazia soave ben esemplificata dall’arguzia di Vitalij Churkin alle Nazioni Unite, ha di fatto neutralizzato l’occidente. Tedeschi e francesi non sono minimamente interessati a una guerra con la Russia. I sentimenti filo-russi sono forti in Grecia, altro membro della NATO, come anche in Italia, Spagna e piccoli Paesi dell’Europa meridionale, che non vedono alcuna ragione per cui debbano intromettersi nel battibecco tra Russia e Ucraina. Ironia della sorte, è la NATO che ha contribuito a rendere rachitiche le forze militari di quasi tutti i Paesi europei. Compiaciuta dall’ombrello dell’Alleanza, l’Europa ha permesso che la spesa per la difesa precipitasse, ben sapendo che gli Stati Uniti s’impegnano a proteggerla. Alcuni Paesi, come Grecia e Bulgaria, filo-russi, sono nella NATO solo perché hanno paura della Turchia. Le guerre in Iraq e Afghanistan, in cui circa 22 Paesi hanno combattuto a fianco degli Stati Uniti, hanno ucciso l’appetito per altre guerre in quei Paesi. Il parlamento del Regno Unito, sapendo che poteva finire nella terza guerra mondiale, ha rifiutato di appoggiare l’attacco alla Siria. Ma ora che gli Stati Uniti si vedono incapaci di fare altro che lanciare stanche minacce di sanzioni, gli europei si chiedono che cosa diamine facciano le truppe statunitensi in Europa, se non possono combattere. Si tratta di un nuovo corso geopolitico, e la presenza statunitense in Europa potrebbe essere spazzata via dalla sua forza.


A giugno, mentre Putin partecipava alle celebrazioni del D-Day in Francia, un vecchio generale cinese disse in una conferenza sulla sicurezza regionale in Asia, che l’inazione degli Stati Uniti in Ucraina è sintomo inequivocabile della “disfunzione erettile” strategica degli USA. Peggio ancora, le sanzioni iniziando a mordere di nuovo. Le mele per i mercati russi marciscono in Polonia, danneggiando i piccoli agricoltori polacchi. I produttori di latte nei Paesi Bassi sono seduti su mucchi di formaggio marcio. Sono centinaia le storie del genere in ogni Paese europeo involontariamente trascinato nelle sanzioni. I più colpiti sono gli europei continentali che avevano fiorenti attività con la Russia. D’altra parte, il meno colpito sembra essere il Regno Unito, che continua a beneficiare del suo orgoglioso status di portiere dei miliardari russi. Ma nel complesso, l’Europa è malmessa in quanto non del tutto uscita dalla recessione economica. La povertà trasforma le relazioni, in peggio. Mentre l’angoscia economica aumenta, lo sfilacciamento dei legami nell’alleanza occidentale è quasi certo. A differenza delle generazioni precedenti, oggi gli europei, meglio informati grazie ai social media, vogliono risposte dalla loro leadership politica. Se l’alleanza da 1 trilione di dollari (bilancio militare annuale delle nazioni occidentali) non può nemmeno badare alla Russia, allora a che serve la NATO? Se gli Stati Uniti appoggiano i neonazisti ucraini, provocando una guerra in Europa, allora come contribuiscono alla sicurezza dell’Europa? Per Sun Tsu e Chanakya Aver la vittoria ideale è quella che si ottiene senza spargimento di sangue, con la diplomazia e i sotterfugi. La grande potenza militare di Putin potrebbe essere sul punto di dargli una vittoria senza sparare un colpo all’occidente.

Fonte:
https://aurorasito.wordpress.com/2014/10/05/come-la-potenza-militare-russa-erode-lalleanza-occidentale/#comments
borei_classTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora.
Rakesh Krishnan Simha RIR 3 ottobre 2014

sabato 15 novembre 2014

Le Menzogne di Obama



Trovo disgustoso le dichiarazioni di Obama contro la Russia, di essere peggiore di ISIS …. (isis, un mostro creato dai crimini di guerra USA contro i popoli arabi per impedirgli di rendersi indipendenti dal dollaro e dalla politica criminale perseguita). E l'accusa che Mosca sia responsabile dell'abbattimento del volo della Malaysia Airlines nell’Ucraina orientale, è davvero patetico.
Quando un presidente di un grande paese come gli USA arriva a mentire così spudoratamente di fronte al mondo intero, significa che gli USA o hanno sbagliato presidente, oppure l'america ha già perso, dal momento che è noto a tutti che gli USA non hanno mai mostrato le prove di tale infamante accusa. Semplicemente perchè tali prove non possono esistere dato che l'aereo della Malaysia è stato abbattuto dai caccia di Kiev, e gli USA lo sanno bene. A dimostrazione di ciò esistono i tracciati satellitari.
Tutti i paesi che non si piegano alla criminale strategia imperialista americana diventano stati canaglia e per questo massacrati e derubati delle loro ricchezze, come è accaduto in Iraq, in Libia e come stanno cercando di fare in Siria con un esercito mercenario contro il popolo siriano per abbattere ASSAD, eletto da poco presidente con voto democratico, e come vorrebbero fare in Iran se non ci fosse la Grande Russia …… unico vero impero morale degno di questo nome, per fermare la sete satanica degli USA che vorrebbero impadronirsi del pianeta con la forza. A tale disegno criminale che farebbe impallidire anche Hitler, la Russia si oppone, anche perché vede minacciati i suoi confini. Secondo lo shomen Obama, sarebbe la Russia, la minaccia per il mondo. Come se negli ultimi due decenni fosse stata la Russia ad invadere e saccheggiare quei paesi che non si sono piegati al disegno satanico e massonico degli USA.

Allora vediamo con i fatti chi mette in pericolo la pace nel mondo:
Storicamente dal dopoguerra ad oggi ….. ma anche prima, non mi pare che la Russia abbia invaso e saccheggiato nazioni che dissentivano con la sua politica, diversamente dagli USA, si è sempre limitata a difendere i suoi confini come sta facendo attualmente in Ucraina. E udite, udite, gli USA hanno il coraggio di dichiarare che la Russia minaccia i confini della NATO. Mai menzogna è stata più mostruosa e vile, dato che è la NATO che si è attestata ai confini della Russia, minacciandola e provocandola.

. Diversamente dalla Russia, gli USA sono decenni che vanno in giro per il mondo bombardando quei paesi che hanno avuto il solo torto di non piegarsi al suo disegno satanico. Di seguito l’elenco delle guerre scatenate dagli USA nel mondo per estendere il suo dominio. Un dominio mai raggiunto e mai raggiungerà perché il male trova sempre potenti forze sul suo cammino per sbarrarle la strada. Questa potente forza oggi è rappresentata dalla Grande Russia e dalla Grande Cina. E Obama e i suoi stupidi seguaci potranno farsi anche viola, ma non riusciranno nel loro criminale piano …… neppure spargendo Ebola, che ricordo è un brevetto americano, che vergognosamente Obama ha paragonato alla minaccia Russa nel mondo. Questi satanisti, non hanno altro mezzo che la menzogna per cercare di confondere i più semplici, per affermare il loro diabolico piano di assoggettare tutte le nazioni del pianeta.

Come tutti i stupidi, sono arroganti e megalomani, a tal punto da non rendersi conto che non solo non possiedono la statura morale per governare il mondo, ma neppure la forza. Il mondo non si potrà mai governare con la menzogna e la negazione della dignità e dei diritti umani …. regolarmente calpestati dagli USA anche verso il suo stesso popolo.
Segue lista dei crimini degli USA commessi contro popoli inermi distanti migliaia e miglia di km dal suo territorio. E sarebbe la Russia che minaccia la NATO, e la pace nel mondo?

Guerra di Korea e China 1950-53
Guatemala, 1954
Indonesia, 1958
Cuba 1959-61
Guatemala, 1960
Congo, 1964
Laos, 1964-73
Vietnam, 1961-73
Guatemala, 1967-69
Cambogia,1969-70
Grenata, 1983
Libano, 1983-84
Libia, 1986
El Salvador, 1980
Nicaragua, 1980
Iran, 1987
Panama, 1989
Iraq, 1991
Kuwait, 1991
Somalia, 1993
Bosnia, 1994-95
Sudan, 1998
Afghanistan, 1998
Yugoslavia, 1999
Afghanistan, 2001
Yemen, 2002
Iraq, 2003 con distruzione totale del paese con migliaia di morti civili e armi proibite.
Pakistan, 2007
Somalia, 2007-8 / 2011
Yemen, 2009-11
Libia, 2011 – con distruzione totale del paese con migliaia di morti civili.


E non è ancora finita perché le distruzioni e i crimini commessi contro i paesi arabi, hanno generato un mostro sanguinario chiamato ISIS che non penso riuscirete a sconfiggere mai perché il male che avete seminato in quella regione è troppo grande per essere dimenticato da chi si è visto sterminare la famiglia, amici e parenti. Oltre ad essere ridotto a vivere di espedienti, avendo perso tutto.

E SAREBBE LA RUSSIA CHE METTE IN PERICOLO LA PACE NEL MONDO. LA RUSSIA, PER ORA SI STA LIMITANDO A DIFENDERE L’AGGRESSIONE CHE SUBISCE DAGLI USA E DAI SUOI STUPIDI SERVI EUROPEI.
Secondo il mio modesto parere, gli USA devono convincersi che la RUSSIA è ritornata sulla scena mondiale più forte e ricca di ideali umanitari di prima e nulla potrà fermare i suoi ideali di giustizia e di vera democrazia.

POTETE TAPPARE LA BOCCA A CENTO ….. FORSE MILLE, E ANCHE DIECIMILA VOCI CHE CHIEDONO GIUSTIZIA, MA NON RIUSCIRETE MAI A FERMARE LA VERITA’ CHE RAPPRESENTA LA GRANDE RUSSIA. E SARA’ PROPRIA LA VERITA’ A FERMARE I VOSTRI CRIMINALI PIANI DI SOTTOMETTERE IL GENERE UMANO, RIDUCENDOLO AD UNA APPENDICE DI UN COMPUTER.

E non posso dimenticare le due bombe atomiche su Hiroshima e Nagasaki …..un vero abominio.

sabato 8 novembre 2014

Ebola: arma biologica



il Dr. Cyril Broderick, Professore di Fitopatologia, elenca 5 punti shockanti e cupi del tema Ebola: un'arma biologica, deliberatamente creata e testata sulla popolazione africana. Le connivenze del governo USA, ONU e multiazionali del farmaco ed altro...

Cari cittadini del mondo:
Ho letto una serie di articoli da Internet ed anche da altre fonti, sui decessi in Liberia e in altri paesi dell’Africa occidentale, in merito alla devastazione umana causata dal virus Ebola. Una settimana fa circa, ho letto un riassunto pubblicato nelle notizie in internet degli “Amici della Liberia” (Friends of Liberia), che diceva che c’era un accordo, sul fatto che l’inizio della pandemia di Ebola dovesse iniziare in Africa occidentale attraverso il contatto di un bambino di due anni con pipistrelli, provenienti dal Congo.
Quell’articolo mi ha sconcertato per cio’ che vien detto su Ebola ed ha stimolato in me una risposta agli “Amici della Liberia” in cui ho detto che gli Africani non sono ignoranti o creduloni come invece si suppone che siano.
Ricevetti poi una risposta dal dr Verton Stone che diceva che l’articolo non era il loro e che gli “Amici della Liberia”, stavano solo fornendo un servizio. Mi chiese poi se poteva pubblicare la mia lettera sul loro forum in internet. Ho dato il mio permesso ma non l’ho vista pubblicata.
Dato l’ampia perdita di vite, la paura, i traumi fisiologici, e la disperazione tra i liberiani e altri cittadini dell’Africa occidentale, è d’obbligo che io dia un contributo alla risoluzione di questa situazione devastante, che può continuare a ripresentarsi, se non è propriamente e adeguatamente affrontata. Tratterò la situazione in cinque (5) punti:

1. Ebola è un organismo geneticamente modificato (OGM)
Il dr Horowitz (1998) deliberatamente e senza ambiguità, nel suo testo, Emerging Viruses: AIDS and Ebola - Nature, Accident or Intentional (Virus emergenti: AIDS e Ebola –naturali , incidentali o intenzionali), aveva spiegato la minaccia di nuove malattie. Nella sua intervista con il Dr. Robert Strecker nel capitolo 7, la discussione, nei primi anni 1970, rese evidente che la guerra era tra i paesi che ospitavano il KGB e la CIA e che la ‘produzione’ di virus come l’AIDS era chiaramente diretta verso l’altro. Durante l’intervista, si è parlato di Fort Detrick, “il Palazzo Ebola,” e di ‘un sacco di problemi con strane malattie “ a Frederick [Maryland].
Dal capitolo 12 del suo testo, aveva confermato l’esistenza di una industria medica militare, americana che conduce test su armi biologiche, mascherate come somministrazione di vaccini per controllare le malattie e migliorare la salute di “africani neri oltreoceano.”
Il libro è un testo eccellente, e tutti i leader e chiunque abbia interesse per la scienza, la salute, la gente, e l’intrigo dovrebbero studiarlo. Sono stupito che i leader africani non facciano alcun riferimento o menzione a questi documenti.

2. Ebola ha una storia terribile, e i suoi test sono segretamente avvenuti in Africa
Ora sto leggendo The Hot Zone, un romanzo, di Richard Preston (1989-1994); è straziante. Il prolifico e famoso scrittore, Steven King, viene citato per aver detto che il libro è “Una delle cose più orribili che abbia mai letto. Che opera eccellente“. Come bestseller del New York Times, The Hot Zone è presentato come ”una storia vera terrificante”.
“Terrificante, sì, perché la descrizione patologica di ciò che è stato trovato in animali uccisi dal virus Ebola, è ciò che il virus ha fatto ai cittadini della Guinea, Sierra Leone e la Liberia nel suo focolaio più recente.
Il virus Ebola distrugge gli organi interni delle persone e il corpo si deteriora rapidamente dopo la morte. Si ammorbidisce e tessuti diventano come gelatina, anche se viene refrigerato per mantenerlo freddo. La liquefazione spontanea è ciò che accade al corpo di persone uccise dal virus Ebola! L’autore indicato nel punto 1, il Dr. Horowitz, rimprovera l’autore di “The hot zone” di essere politicamente corretto; Capisco, perché nel suo libro fa del suo meglio per basarsi sui fatti.
Nel 1976, l’ incidente di Ebola in Zaire, durante il periodo del Presidente Mobutu Sese Seko, è stato l’introduzione dell’Ebola OGM in Africa.

3. Nel corso degli anni sono stati creati luoghi in Africa e Africa Occidentale per testare malattie emergenti, soprattutto Ebola.
La WHO - ’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS)- e diversi altri Enti delle Nazioni Unite, sono stati coinvolti nel selezionare paesi africani allettanti per partecipare agli eventi di sperimentazione, promuovendo le vaccinazioni, ma perseguendo varie unità di test.
Il 2 agosto, 2014, l’ articolo, “Africa Occidentale : cosa stanno facendo nella zona Ebola, i ricercatori americani delle armi biologiche?” di Jon Rappoport di Global Research, individua il problema che hanno di fronte i governi africani.

Di rilevante in questa e altre relazioni, tra l’altro:
(A) L’americano Army Medical Research Institute of Infectious Diseases (USAMRIID) – L’Istituto Medico di Ricerca dell’Esercito, per di Malattie Infettive - un notissimo centro per la ricerca di armi biologiche, che si trova a Fort Detrick, nel Maryland;
(B) la Tulane University, a New Orleans, USA, vincitrice di borse di studio di ricerca, tra cui una sovvenzione di oltre 7 milioni di dollari del National Institute of Health (NIH) – Istituto Nazionale per la Salute- per finanziare la ricerca sulla febbre emorragica virale Lassa;
(C) il Centro statunitense per il Controllo delle Malattie (CDC);
(D) Medici Senza Frontiere (conosciuto anche con il nome francese, di Medicins Sans Frontiers);
(E) la Tekmira, una società farmaceutica canadese;
(F) l’inglese GlaxoSmithKline; e
(G) il Kenema Government Hospital di Kenema, Sierra Leone.

I resoconti e articoli narrano di storie del Dipartimento della Difesa (DoD) che ha finanziato degli esperimenti di Ebola sull’uomo, esprimenti iniziati giusto qualche settimana prima dell’epidemia di Ebola in Guinea e Sierra Leone. I rapporti continuano e affermano che il DoD ha dato un contratto di 140 milioni di dollari a Tekmira, una azienda farmaceutica canadese, per condurre una ricerca su Ebola.
In questa ricerca-esperimento, a degli esseri umani sani viene iniettato e messo in vena il mortale virus Ebola.
Quindi, il DoD è elencato come collaboratore della ricerca-esperimento clinico “First in Human” Ebola (NCT02041715,) – primo ebola negli umani- iniziato nel gennaio 2014 poco prima che a marzo venisse dichiarata l’ epidemia di Ebola in Africa occidentale.
Molte relazioni concludono inoltre, in modo inquietante, che il governo degli Stati Uniti dispone di un laboratorio di ricerca di bioterrorismo per febbre virale in Kenema, una città epicentro del focolaio di Ebola in Africa occidentale.

L’unico ramoscello d’ulivo rilevante, positivo ed etico che ho visto in tutte le mie letture è che il Theguardian.com ha riportato che:
“Il finanziamento del governo degli Stati Uniti per la sperimentazione di Ebola su individui sani, avviene tra avvertimenti di scienziati di Harvard e Yale, sul fatto che tali esperimenti con virus, possano innescare una pandemia mondiale. “
Quella minaccia persiste tutt’ora.

4. Serve un'azione legale per riparare ai danni intercorsi, dato il perpetuarsi di ingiustizia, con le morti , i traumi, le ferite sulla pelle dei Liberiani ed altri Africani, causa Ebola ed altri agenti patogeni.
Gli Stati Uniti, il Canada, la Francia, e il Regno Unito sono tutti implicati in questi atti riprovevoli e diabolici a tema Ebola. Vi è la necessità di perseguire un risarcimento penale e civile per danni, ed i paesi africani e le persone stesse dovrebbero salvaguardare una rappresentanza legale , per chiedere i danni a questi paesi, ad alcune aziende multinazionali e alle Nazioni Unite.
L’evidenza sembra essere abbondante contro la Tulane University, e le denunce dovrebbero partire da qui.
L’articolo di Yoichi Shimatsu, The Ebola Breakout Coincided with UN Vaccine Campaigns -L’epidemia di Ebola ha coinciso con le campagne di vaccinazione ONU-
Così come pubblicato il 18 agosto 2014, nella Liberty Beacon.

5. I leader africani e le loro nazioni, devono prendere il comando e difendere i neonati, i bambini, le donne e gli uomini africani e gli anziani. Questi cittadini non meritano di essere usati come cavie!
L’Africa non deve relegare il continente a diventare il luogo per lo smaltimento di sostanze chimiche pericolose, farmaci pericolosi e agenti chimici o biologici di malattie emergenti. Vi è urgente necessità di azioni affermative per proteggere i meno abbienti dei paesi più poveri, in particolare i cittadini africani, i cui paesi non sono scientificamente e industrialmente dotati come gli Stati Uniti e la maggior parte dei paesi occidentali e che sono così le fonti di maggior parte degli OGM virali o batterici, strategicamente progettati come armi biologiche.
E altamente inquietante che il governo degli Stati Uniti abbia condotto una ricerca di laboratorio sul bioterrorismo della febbre emorragica virale, in Sierra Leone. Ce ne sono altri?
Dovunque esistono, è il momento di chiuderli. Se esistono altri siti, è il caso di fare un passo essenziale, anche se in ritardo,: la Sierra Leone ha chiuso il laboratorio statunitense di armi biologiche e bloccato ulteriori test della Tulane University .
Il mondo deve sentirsi in allarme. Tutti gli africani, americani, europei, mediorientali, asiatici, le persone da ogni conclave sulla Terra dovrebbero sentirsi shockate.
Il popolo africano, più in particolare i cittadini della Liberia, Guinea e Sierra Leone, sono vittime e stanno morendone ogni giorno. Ascoltare le persone che diffidano gli ospedali, che non possono stringere le mani, abbracciare i loro parenti e amici. Persone innocenti stanno morendo e hanno bisogno del nostro aiuto.
I paesi sono poveri e non possono permettersi tutto l’equipaggiamento di protezione che la situazione richiede.
La minaccia è reale, ed è più ampia di alcuni paesi africani. La sfida è globale, e chiediamo assistenza da tutto il mondo, inclusa la Cina, Giappone, Australia, India, Germania, Italia, e anche le persone di buon cuore negli Stati Uniti, in Francia, nel Regno Unito, Russia, Corea, Arabia Saudita, ed ovunque ci sia il desiderio di aiutare.
La situazione è più cupa di quello che all’esterno possiamo immaginarci e dobbiamo fornire assistenza , per quanto possibile.
Per garantire un futuro che abbia meno drammi di questo genere, è importante che noi ora chiediamo ai nostri leader e governi siano onesti, trasparenti, equi che si impegnino produttivamente.
Essi devono dare una risposta alla gente.

Per favore prendete posizione sui test Ebola e la diffusione di questa malattia cosi ignobile.
Grazie mille.
In fede,
Dr Cyril E. Broderick

fonte: http://www.liberianobserver.com/security/ebola-aids-manufactured-western-pharmaceuticals-us-dod

traduzione: Cristina Bassi per www.thelivingspirits.net

mercoledì 5 novembre 2014

Steve Jobs: i miei figli non useranno l'Ipad



Un articolo pubblicato sul New York Times ha rivelato che il fondatore dell’Apple, Steve Jobs, insieme ad altri dirigenti di società tecnologiche, limitava ai propri figli l’utilizzo di dispositivi elettronici fino a proibirli. Secondo il giornale, in una delle sue interviste, Jobs affermò che i suoi figli non avrebbero utilizzato, una delle sue creazioni più popolari, l’ iPad . “Cerchiamo di ridurre al limite la quantità di tecnologia che i nostri figli possono usare a casa “, ha detto il fondatore del colosso informatico.

L’articolo rivela che un numero significativo di amministratori delegati di aziende tecnologiche, come Jobs , vivono secondo regole del tutto diverse da quelle suggerite alla popolazione americana, dalle loro stesse aziende. Questo lascia intendere che quest’elite miliardaria sa qualcosa che il resto della società non deve sapere. Anche, il CEO della 3D Robotics, azienda produttrice di droni, Chris Anderson, ha il controllo totale sull’utilizzo di qualsiasi “gadget” dei suoi figli. Spiega questa sua scelta educativa perché ha vissuto “in prima persona i pericoli della tecnologia”. “Non voglio che i miei figli passino la stessa cosa” ha confessato.

I pericoli, secondo Anderson, deriverebbero dal libero accesso che gli smartphone, tablet e computer possono dare a contenuti dannosi come la pornografia, le molestie da parte di altri bambini e ciò che considera il peggiore di tutti, la dipendenza dal dispositivo.

Il fondatore di Twitter, Blogger e Medium, Evan Williams, e sua moglie, Sara Williams, per esempio, hanno regalato ai loro due bambini centinaia di libri che possono leggere quando vogliono invece che un iPad. Secondo diversi studi clinici, l’utilizzo continuativo di dispositivi elettronici da parte dei bambini può portare a un aumento dei disturbi della vista e del sonno. Inoltre, i ricercatori ritengono che le frequenze wireless per la connessione a internet usate dagl’iPad e da altri tablet possano rappresentare potenziali rischi per la salute ed essere cancerogene.... (oltre a rincretinire.NDR).

Fonte: http://actualidad.rt.
Link: http://actualidad.rt.com/sociedad/view/140431-steve-jobs-hijos-ipad
Traduzione per www.comedonchisciotte,.org a cura di LUIGI FABOZZI

domenica 2 novembre 2014

Stefano Cucchi

La sentenza della morte di Stefano Cucchi, rappresenta un precedente molto pericoloso perché secondo il comune buon senso, trasmette un segnale di impunità a tutti coloro che commettono crimini. E cosa ancora più pericolosa, la consapevolezza da parte della gente comune della incapacità della magistratura di riuscire a individuare i colpevoli di un crimine facilmente individuabile, dato che l’evento si è consumato in un luogo chiuso gestito dalle forze dell’ordine. In questo caso la caserma di Tor sapienza.
Lo stesso luogo in cui Stefano Cucchi secondo la prima sentenza, venne pestato al punto che dopo alcuni giorni morì nella cella del reparto carcerario dell’Ospedale Pertini di Roma. Sicuramente anche perché i medici per ragioni che non riesco a comprendere decisero di non intervenire per curarlo. E tale assurdo comportamento, non è semplicemente condannabile per ragioni morali ed etiche, ma per togliere da strutture pubbliche, persone inadatte a svolgere la professione del medico.
Inoltre, non ho mai capito perché le forze dell’ordine quando effettuano un arresto, in alcuni casi, pestano la persona fermata, fino a causarne la morte. Non trovo nessuna giustificazione per tale barbaro comportamento, anche in presenza di provocazione da parte del fermato. Tale comportamento da parte delle forze dell’ordine lo trovo assurdo e poco professionale. Essere giudice e carnefice, è un tipo di “attività” che non può coesistere con uno stato di diritto ….. se davvero esiste uno stato di diritto in questo paese …..

Se la convinzione che non viviamo in uno stato di diritto, si diffonde tra la società, le persone per avere giustizia, hanno una sola scelta: farsi giustizia da sole. E questo sarebbe davvero tragico.
Affinchè questo non avvenga, lo stato deve saper correggere il proprio errore e consegnare alla giustizia i colpevoli, dato che non è credibile, convincere qualcuno, che non è possibile trovare i colpevoli di un crimine, commesso in una struttura dello stato, pur sapendo chi fossero gli agenti presenti quella notte. Tale presa di posizione, equivale a sostenere che se una persona organizza una festa in un qualsiasi appartamento e uno degli invitati, viene pestato a morte alla presenza di tutti gli invitati, e questi si dichiarano non colpevoli, coprendosi a vicenda, trovo assurdo se il giudice assolve tutti i presenti per mancanza di prove……

Dai, per favore! – Non ci vuole un genio, un esperto per concludere che tale convincimento è ridicolo; offensivo anche per un quoziente intellettivo appena sopra lo zero.

Questa mattina, alle sei e trenta, rainew24 ha trasmesso una breve intervista all’avvocato di Cucchi, e questi ha dichiarato che se la magistratura vuole davvero trovare i colpevoli del pestaggio che ha causato la morte di Cucchi, devono indagare nell’arco di tempo di quel 15 ott. Del 2009, dalle 21,30, alle 9,30 della mattina seguente. Cioè, prima che Cucchi viene condotto in aula per essere sentito dal giudice. Perché è in quell’arco di tempo che Stefano Cucchi è stato pestato con conseguenti gravi lesioni che pochi giorni dopo lo condussero alla morte.
Inoltre è assrdo che in Italia si viene uccisi per pochi grammi di marijuana, e negli Usa, cioè la nazione che l'ha proibita in tutto l'occidente, ai cittadini di due stati, in partcilare, è consentito addirittura coltivarla in proprio e consumarla a piacere. Sarebbe ora di mettersi d'accordo e liberalizzare la marijuana, semplicemente perchè è meno letale del consumo del tabacco e dell'alcol, e in più è anche una formidabile erba medica. (Ragione per cui fu bandita dal mercato occidentale, per fare un favore alle case farmaceutiche per spacciare il loro veleno sintetito: i farmaci.)

Di seguito alcune sintesi della tragica storia di Stefano Cucchi:

Tutti assolti: in secondo grado la Corte d’Assise d’Appello di Roma ha assolto tutti gli imputati per la morte di Stefano Cucchi, il geometra romano morto il 22 ottobre 2009 nel reparto protetto dell’ospedale Pertini di Roma, una settimana dopo il suo arresto. In primo grado erano stati condannati cinque medici per omicidio colposo e uno per falso; erano stati invece assolti i tre agenti della polizia penitenziaria e tre infermieri. In appello la sentenza è stata dunque ribaltata. La sorella di Stefano, Ilaria Cucchi, ha lasciato l’aula in lacrime.
Fonte: 31 - 10 - 2014TMNews

Guerra di interviste sui giornali: per la madre «È un verdetto assurdo. Mio figlio è morto dentro quattro mura dello Stato che doveva proteggerlo», mentre il Sap rimane sulla sua linea shock «Se uno ha disprezzo per la propria condizione di salute, se uno conduce una vita dissoluta, ne paga le conseguenze». Si difende Luciano Panzani, presidente della Corte d'Appello di Roma: «Il giudice penale deve accertare se vi sono prove sufficienti di responsabilità individuali e in caso contrario deve assolvere»
La sentenza che ha mandato tutti assolti gli imputati al processo per la morte di Stefano Cucchi, secondo l’accusa morto in detenzione per essere stato pestato dalla polizia ed essersi visto negare le cure dai sanitari, ha acceso roventi polemiche.

«UN FALLIMENTO DELLA PROCURA DI ROMA» - Ilaria Cucchi ha anche spiegato che a suo dire l’assoluzione per insufficienza di prove rappresenta un fallimento della Procura di Roma: «Chiederò al procuratore capo di Roma Giuseppe Pignatone che assicuri alla giustizia i colpevoli della morte di mio fratello, perché due sentenze hanno riconosciuto il pestaggio e lo Stato italiano non può permettersi di giocare allo schiaffo del soldato, come ha detto in aula ieri il mio avvocato. Mio fratello è morto e non si può girare e indovinare chi è stato, devono dircelo loro».

ASSOLUZIONE PER TUTTI - La formula adottata dal giudici è quella prevista dal secondo comma dell’articolo 530 «… quando manca, è insufficiente o è contraddittoria la prova», la conseguenza è l’assoluzione del primario del reparto detenuti del ‘Pertini’, Aldo Fierro, i medici Stefania Corbi, Flaminia Bruno, Luigi De Marchis Preite e Silvia Di Carlo e Rosita Caponetti; gli infermieri Giuseppe Flauto, Elvira Martelli e Domenico Pepe; gli agenti della Penitenziaria Nicola Minichini, Corrado Santantonio e Antonio Domenici.
Fonte: 01/11/2014 - di Redazione Da Giornalettismo

Stefano Cuchi, aveva 32 anni, e non avrebbe mai pensato di poter morire in quel modo. Stava bene, finalmente, dopo aver subito tanti traumi e avere passato momenti difficilissimi a causa della tossicodipendenza. Che però, purtroppo, lo tormentava ancora.
Quando la sera del 15 ottobre 2009 i carabinieri lo fermarono in un parco, gli trovarono addosso 20 grammi di “roba”: marijuana, (assurdo!!! – In Italia si muore per il possesso di pochi grammi di marijuana, e negli USA si compra nei bar, in farmacia, si coltiva nelle case e i pasticcieri la mettono persino nelle torte per i bambini. Smettetela di giocare con la vita delle persone e mettetevi d’accordo …. NDR) un po’ di cocaina e due pasticche. Per gli agenti si trattava di ecstasy, ma il padre provò a chiarire che era un farmaco prescrittogli dal medico per le crisi epilettiche, che Stefano portava sempre con sé. All’inizio, per errore, i carabinieri nel verbale lo qualificarono come «albanese senza fissa dimora». Poi, a casa sua, provarono a perquisirgli la stanza, la famiglia li invitò a continuare, ma loro rinunciarono. Portarono subito Stefano, che stava ancora bene, in caserma. Prima a quella di via Calice e poi a Tor Sapienza, per la notte.
I carabinieri hanno scritto che in quel momento non aveva ancora nemmeno un livido. Solo «epilessia e tremori». Poi però chiamarono l’ambulanza, ma quando gli operatori del 118 arrivarono lo trovarono a letto, sotto le coperte. Lui rifiutò di farsi ricoverare. Loro – per errore – lo definirono schizofrenico nella scheda che compilarono. Perché sia stata chiamata quell’ambulanza e soprattutto perché Cucchi abbia rifiutato le cure non è mai stato chiarito.

La famiglia Cucchi: "Sentenza assurda". "La nostra giustizia è malata, credo dovremo aspettare le motivazioni della sentenza". Così ai microfoni di RaiNews24, Ilaria Cucchi dopo la notizia dell'assoluzione di tutti gli imputati indagati per la morte del fratello, Stefano Cucchi, "Nella sentenza di primo grado non si è detto che Stefano non è stato picchiato, ma che la giustizia non era in grado di dire chi fosse stato tra gli agenti e i carabinieri - ha proseguito Ilaria Cucchi - Ora, in appello, mi aspettavo un passo in avanti che non c'è stato. Da semplice cittadina mi chiedo cosa mi devo aspettare dalla giustizia. Mio fratello è morto anche per colpa dei magistrati che non lo hanno guardato in faccia. Mio fratello - ha sottolineato - era un ragazzo come gli altri che ha commesso un errore e che, per questo, non doveva pagare con la vita. Io, mio fratello, la mia famiglia meritiamo giustizia". "Una sentenza assurda, Stefano è morto ancora una volta". È stato il commento del papà, Giovanni Cucchi. "È morto con la sentenza di I grado, e ora un'altra volta dobbiamo assistere a questa decisione" ha detto. "Lo Stato si è auto-assolto - ha dichiarato la madre di Stefano, Rita Calore - Per lui, unico colpevole sono le quattro mura".

Fonte: http://www.agoravox.it/Stefano-Cucchi-dall-arresto-alla.html

Nota: Ho omesso di pubblicare le foto del pestaggio perché l’evento è troppo serio per fare spettacolarizzazione.

lunedì 27 ottobre 2014

Popolo Bue



lunedì 27 ottobre 2014
PAGLIACCIATA MONDIALE EBOLA E DISASTRO AEREO MALAYSIAN MH 17

LETTERA
BUGIE DESTINATE NON AL POPOLO VERO MA AL POPOLO CREDULONE

Se non l'avete già fatto, vi consiglio di vedere su Pandora TV il documentario-inchiesta "MH17: LA STORIA SCONOSCIUTA", che tratta delle infinite bugie raccontate al popolo bue sulla tragedia del volo Malaysian Airlines MH17.

LE MANIPOLAZIONI CONTINUANO A RITMO ININTERROTTO E SERIALE

Infinite e seriali menzogne che si agganciano altre questioni scottanti, come il golpe USA a Kiev e l'epidemia di Ebola, visto che su quel volo c'era Glenn Thomas consulente dell’OMS a Ginevra, esperto di Ebola, che si era rifiutato di continuare a coprire il complotto della Tulane University contro la popolazione.
http://birdflu666.wordpress.com/2014/07/22/was-who-official-glenn-thomas-assassinated-to-intimidate-who-officials-ngos-and-scientists/

MEDIA CORROTTI E COLLUSI

Spegniamo le TV, facciamo un rogo di tutti i giornali mainstream e usiamo i loro giornalisti e saltimbanchi come combustibili fossili! (http://www.pandoratv.it/?p=2116)
Paolo De Santis

DOCUMENTO ESPLOSIVO SULLA NUOVA FARSA MONDIALE DENOMINATA EBOLA
(Fonte Infowars-Dallas, Traduzione, sintesi e rielaborazione di Valdo Vaccaro)

PROFILO PERSONALE DI GLENN THOMAS, SUPER-DIRIGENTE DELLA WHO
Glenn Thomas non era una persona qualunque, ma uno di quei soggetti che vengono chiamati "pezzi da novanta". Dirigente di alto livello della WHO, World Health Organization, nonché consulente dell'OMS, Organizzazione Mondiale della Sanità di Ginevra, Thomas era persona aperta e trasparente, di sicuro critica e in rotta di collisione nei riguardi di Big Pharma e dei Servizi Segreti Americani. Uno che anziché oliare i meccanismi del nuovo carrozzone Ebola li stava frenando, dando fastidio e causando ostacoli e problemi a suoi colleghi inquadrati e collusi acriticamente col potere.
Era conscio insomma degli imbrogli, delle frodi e delle farse diffuse a ripetizione negli ultimi anni dai Monatti, dagli Untori e degli Azzeccagarbugli del Terzo Millennio.

OPINIONI TAGLIENTI E CONTROCORRENTE

Già dal 2009 aveva espresso più volte le sue taglienti opinioni sulle false epidemie pianificate a tavolino dalla solita CDC, Central Disease Control, tipo l'Aviaria, la Peste Suina Messicana e sullo stesso carrozzone Aids, rinnovato e ripristinato per una seconda giovinezza grazie all'insperata e sorprendente apertura di nuovi sbocchi e di enormi mercati pestilenziali come la Cina, il Vietnam e l'India.

NEL MIRINO DEI CECCHINI

Nella WHO di oggi la corruzione è di casa tra i giovani arrampicatori sociali e soprattutto a livello dirigenziale. Glenn Thomas covava un forte malessere interiore di fronte a questa situazione, al punto di non poter nascondere le sue perplessità e le sue rimostranze. Nessuna meraviglia che fosse da tempo nel mirino dei cecchini e degli opportunisti. Era ovviamente al corrente dei piani di riduzione accelerata della popolazione mondiale, pallino fisso della ganga dirigenziale Rockefeller-Kissinger e dei progetti segreti targati Bilderberg.

AVERE UNA COSCIENZA NON È SEMPRE COSA APPREZZATA

Trovandosi ai vertici della WHO, egli ricopriva un ruolo basilare nell'intera faccenda Ebola, autentica continuazione logica del filone Aids. La sua colpa maggiore era quella di essere persona cosciente e responsabile. Era in altri termini stufo di fare lo spettatore passivo di fronte ai sempre più incredibili imbrogli in corso di realizzazione. Ovvio che ogni suo passo ed ogni sua mossa venissero attentamente monitorati dalla cinica e ovattata stanza dei bottoni. Nessun ente corrotto può permettersi di mantenere al suo interno personaggi scomodi che remino contro.

UN DISASTRO AEREO NON CASUALE MA PIANIFICATO

La tragedia del volo MH17 viene ufficialmente attribuita a un missile lanciato dai russi o dagli ucraini, ma le cose non quadrano affatto. Alla luce dei fatti, è troppo chiaro che questo disastro aereo non è stato un malaugurato errore e nemmeno una disgrazia casuale, ma un deliberato atto di sabotaggio perpetrato dalla CIA e dal Pentagono. Lo scopo principale non era soltanto l'eliminazione dell'ostico e sgradito Glenn Thomas e degli altri elementi di contorno che lo accompagnavano, ma soprattutto l'invio di un chiaro messaggio di minaccia nei riguardi di chiunque osasse mettere i bastoni tra le ruote svelando verità fastidiose in grado di rallentare o contrastare il satanico piano Ebola. Un po' la stessa cosa che successe col disastro aereo del 2010 a Smolensk, dove venne decapitata l'intera dirigenza del governo polacco.

LO STRAPOTERE COALIZZATO DI GEORGE SOROS E DI BILL GATES

Chi osa andare oggi contro lo strapotere di George Soros, di Bill e Melinda Gates? Chi osa rivelare ai media e al mondo come stanno in realtà le cose entra automaticamente nel mirino dei servizi segreti, e rischia di essere estromesso o eliminato con le buone o le cattive. Un evidente e duro avvertimento a restare abbottonati, servizievoli ed obbedienti. Acqua in bocca e marciare dritti senza smagliature e senza crisi di coscienza. Troppo importante e troppo alta la posta in palio. I giochi in questo caso non solo alti ed enormi ma addirittura stratosferici!

VOLO SVENTURATO CON PASSEGGERI TROPPO IMPORTANTI

Non solo l'autorevole dirigente americano si trovava sullo sventurato volo della Malaysian Airlines. Ci stavano pure 6 ricercatori-chiave olandesi, fortemente dissidenti sull'Aids, su Ebola e sulle varie pestilenze inventate. In particolare c'erano Joep Lange e sua moglie Jacqueline van Tongeren, noti esponenti dell'Amsterdam Institute for Global Health and Development. Pure Joep, al pari di Glenn Thomas, non era un soggetto qualsiasi, ma era considerato un gigante nel campo delle crisi immunitarie pianificate a tavolino, un elemento basilare della dissidenza planetaria contro le malattie pianificate, inventate, presunte e marchiate secondo convenienza.

JOEP LANGE CONOSCEVA TROPPE COSE FONDAMENTALI

Joep conosceva per filo e per segno gli aspetti reconditi e farseschi dell'intera vicenda Aids, inclusa l'ingegnerizzazione di uno pseudo-virus Hiv capace di causare la debolezza mortale etichettata Aids. Quel che è peggio, egli aveva percepito in ogni dettaglio le implicazioni strategiche, politiche ed economiche, della sporca faccenda Ebola in Africa e nel resto del pianeta (http:www.vancouversun.com/health/Ebola+outbreak+right+testing).

TUTTO RUOTAVA INTORNO ALLA CONFERENZA AIDS DI MELBOURNE

Infowars, diretta da Alex Jones, celebre conduttore e regista radiofonico in Dallas-Texas, per quanto informata e aperta sia, si è dimenticata di citare un dettaglio basilare, e cioè che i 6 ricercatori Aids in questione sono morti sì nel tragitto aereo MH17 tra Amsterdam e Kuala Lumpur, ma avrebbero poi dovuto procedere con altro volo per Melbourne-Australia, per la Conferenza Internazionale Aids del 20 luglio 2014, organizzata e sponsorizzata da Bill Gates, maggiore pilastro ed architetto dei maggiori progetti vaccinatori ed eugenetici mondiali, in costante atteggiamento di benefattore planetario e in autorevole aria di quasi-santità.

MEDIA CORROTTI E GUIDATI A BACCHETTA DAL GRUPPO BILDERBERG

I media, più che mai silenziati, colonizzati e manovrati a bacchetta dal gruppo Bilderberg e dalle varie cosche, più che mai lacunosi, omertosi, servizievoli ed inginocchiati di fronte alla dittatura medico-farmaceutica mondiale, spaventano giorno dopo giorno una popolazione ignara, confusa, frastornata ed inebetita, oltre che messa in ginocchio da una crisi economica senza precedenti, pure inventata ed ingegnerizzata a danno di Italia, Grecia, Spagna, Francia e Olanda innanzitutto, oltre che del Medio Oriente.

IMMAGINI ALLUCINANTI PROPINATE COME PANE QUOTIDIANO

Un bombardamento terroristico quotidiano è quello che ci vuole onde prepararla ad accettare tutte le cose che le verranno propinate. Amuchine, vaccini, mascherine, doppi guanti, tute protettive, scafandri e quant'altro. Incredibili scene appaiono immancabilmente giorno dopo giorno sugli schermi televisivi. Situazioni da film horror di stampo hollywoodiano, sotto la regia di menti fantasiose e bacate che solo l'America di oggi è in grado di concepire e di produrre. Qualcosa di allucinante atto a entrare nell'immaginario collettivo, incrementando la psicosi e la già scarsa voglia di vivere della gente.

LA MENZOGNA EBOLA RISCHIA DI SFUGGIRE DI MANO

Tutto in linea logica coi piani di abbattimento della popolazione mondiale (vedi mia tesina "Il mondo nel frullatore Bilderberg"). Ammazza più la lingua che la spada. Mai quanto adesso tale aforisma è stato così attuale. Al punto che la menzogna Ebola comincia a preoccupare persino i suoi inventori, rivelandosi spesso un'arma a doppio taglio. Qualcosa che sfugge al controllo e che rischi di mandare in tilt la convivenza e il funzionamento stesso delle attività fondamentali. Il panico generale non rientra nei piani previsti. Se lo scopo era quello di rendere la popolazione remissiva ed obbediente di fronte ai farneticanti piani di Big Pharma, e di fronte alle vaccinazioni obbligatorie anti-Ebola, esso è stata già ampiamente raggiunto.

INTERVENTI CORRETTIVI DEL PRESIDENTE OBAMA

Non è un caso che il presidente Obama stia dando un colpo al cerchio e uno alla botte, demonizzando da un lato l'eccessiva disinvoltura della CDC (Central Disease Control) nel gestire le persone a rischio in arrivo negli USA, e invitando dall'altro lato la popolazione americana a non temere e a non cadere nella ossessione nevrotica e nello sbigottimento, visto che l'Ebola non si trasmetterebbe nell'aria come paventato da tanti. Viaggiare in treno, in bus ed in aereo non comporterebbe in altri termini nessun rischio. Parola di presidente. Fidarsi della scienza e non andare in panico emotivo. Parola di presidente.

PANICO NEGLI AEROPORTI E PANICO NEGLI OSPEDALI

Ma la paura popolare non è un fenomeno facile da gestire e da contenere. La gente che lavora negli aeroporti rifiuta di assistere i passeggeri in arrivo. I voli sono sempre più vuoti e si rischia di affossare economicamente le compagnie aeree. La gente che lavora negli ospedali è sul piede di guerra oppure non si presenta semplicemente al lavoro, per timore di contrarre il fantasmagorico virus.

BUGIE CLAMOROSE SULLA CONTABILITÀ DELLE VITTIME

I media, dicevamo, sono lacunosi e collusi, e si limitano a citare la quota di 10000 morti in Africa, quando nella saga Aids gli stessi monatti citavano non migliaia ma addirittura milioni di vittime, finendo per essere alla fine clamorosamente smentiti, visto che i test Elisa segnalavano come Aids i casi di malaria.

I TRUCCHI E GLI OPPORTUNISMI DELLA MEDICINA BUBBONICA

Un conto è registrare la debolezza immunitaria di gruppi sociali sfortunati, sottoposti a stress politici, a persecuzioni razziali e religiose, a carenze igieniche, a privazioni idriche ed alimentari. Altro conto è contrabbandare tali situazioni per malattie specifiche e renderle spaventevoli, pestilenziali e contagianti, come l'opportunismo sanitario mondiale sta cercando indecentemente di fare ad ogni minima occasione propizia.

FONDAZIONI AIDS STRACARICHE DI DOLLARI RUBATI ALLA COMUNITÀ MONDIALE

I media si guardano bene dal citare, ad esempio, che nei laboratori di Kenema, centro della diffusione Ebola in Sierra Leone, e luogo specifico del mitico "Paziente Zero", esisteva da tempo uno stock di bio-armamenti americani. Si guardano bene dal citare che l'intero progetto Ebola riceve lauti ed enormi finanziamenti dalle varie fondazioni-Aids targate Bill e Melinda Gates, nonché dalle varie fondazioni-Aids targate George Soros, nonché dalle varie fondazioni-Aids targate Bill Clinton. Parliamo di fondazioni stracariche di dollari accumulati negli anni scorsi grazie alle donazioni e alle elemosine miliardarie degli anni scorsi.

BILL CLINTON E BOB GELDOF CONFERENZIERI A MELBOURNE

I media si guardano bene dal dire che a Melbourne la Conferenza Internazionale sull'Aids, con 12000 ricercatori da 200 paesi, ha avuto come conferenzieri ufficiali due manichini o teste di legno o "global elite puppets" come Bill Clinton, ambasciatore seriale Aids in Asia, e Bob Geldof, padre di Peaches Geldof, recentemente scomparsa dopo essere stata legata alla Ordi Templi Orients, loggia massonica e satanica.

SVEGLIAMOCI UNA BUONA VOLTA DAL RIMBAMBIMENTO

È venuto il momento di svegliarsi dal torpore e dal rimbambimento generale. La comunità scientifica mondiale deve per forza fare la voce grossa e farsi sentire in ogni angolo del pianeta. Non è possibile lasciare il comando delle operazioni ai farabutti e ai mascalzoni internazionali. La scienza seria e trasparente ha l'obbligo morale di non nascondersi e di esporre ai cittadini del mondo le menzogne e le malefatte di una élite più che mai truffaldina e priva di freni inibitori. La gente non è più disposta ad essere soggiogata. Non ci sono alibi e non ci sono scuse. Ognuno di noi deve combattere gli spropositi e i raggiri che stanno molestando e mettendo a dura prova la pazienza della popolazione mondiale.

Valdo Vaccaro

giovedì 23 ottobre 2014

Scioglimento dell'Arma dei Carabinieri


Anno 2014, inizio scioglimento dell'Arma dei Carabinieri e insediamento di un corpo militare sovranazionale immune a qualsiasi legge.
Roma, 24 apr 2013 – L’Arma dei carabinieri, in osservanza del trattato di Velsen procede a tappe forzate al proprio smantellamento con la chiusura di numerosi reparti, sino all’inevitabile scioglimento dell’Arma.
La legge n.84 del 12 giugno 2010 riguarda direttamente l’Arma dei Carabinieri, che verrà assorbita nella Polizia di Stato, e questa degradata a polizia locale di secondo livello. Allo stesso tempo, l’art.4 della medesima legge introduce i compiti dell’Eurogendfor.
Entro il 30 aprile quindi, nel quadro dei provvedimenti di razionalizzazione operati dal Comando Generale conseguentemente ai tagli imposti dal contenimento della spesa, saranno soppresse le aliquote Artificieri antisabotaggio dei comandi provinciali di Latina, Messina, Caltanissetta e Brindisi, nonché del Gruppo Operativo Calabria e dello Squadrone Eliportato Cacciatori di Sardegna. Dal portale: http://www.articolotre.com
Sul sito dell'U.N.A.C. (Unione Nazionale Arma Carabinieri) leggiamo una breaking news inquietante: "L’Arma verso lo scioglimento. L’Unione Europea impone la smilitarizzazione della quarta Forza Armata e l’accorpamento dei carabinieri alla Polizia di Stato ... L’Arma dei carabinieri in un futuro più o meno prossimo, ma certamente non remoto, è destinata ad un inevitabile scioglimento". Poco meno di due anni fa la Camera dei Deputati ratificava ad unanumità l'accordo europeo per la costituzione di una forza armata speciale, chiamata EGF.
La Forza di gendarmeria europea (Eurogendfor o EGF) è il primo Corpo militare dell'Unione Europea a carattere sovranazionale. La EGF è composta da forze di polizia adordinamento militare dell'UE in grado di intervenire in aree di crisi, sotto egida NATO, ONU, UE o di coalizioni costituite "ad hoc" fra diversi Paesi.

Eurogendfor può contare su una forza di 800 "gendarmi"mobilitabile in 30 giorni, più una riserva di altri 1.500; il tutto gestito da due organi centrali, uno politico e uno tecnico. Il primo è il comitato interdipartimentale di alto livello, chiamato CIMIN, acronimo di Comité InterMInistériel de haut Niveau, composto dai rappresentanti dei ministeri degli Esteri e della Difesa aderenti al trattato. L’altro è il Quartier generale permanente (PHQ), composto da 16 ufficiali e 14 sottufficiali (di cui rispettivamente 6 e 5 italiani). I sei incarichi principali (comandante, vicecomandante, capo di stato maggiore e sottocapi per operazioni, pianificazione e logistica) sono ripartiti a rotazione biennale tra le varie nazionalità, secondo gli usuali criteri per la composizione delle forze multinazionali.


Non si tratta quindi di un vero corpo armato europeo, un inizio di esercito unico europeo, nel qual caso si collocherebbe alle dipendenze di Commissione e Parlamento Europeo, ma di un semplice corpo armato sovra-nazionaleche, in quanto tale, gode di piena autonomia. Infatti, la EGF non è sottoposta al controllo dei Parlamenti nazionali o del Parlamento europeo, ma risponde direttamente ai Governi, attraverso il citato interministeriale (CIMIN)
L'articolo 21 del trattato di Velsen, con cui viene istituito questo corpo d'armata sovranazionale, prevede l'inviolabilità dei locali, degli edifici e degli archivi di Eurogendfor.
L'articolo 22 immunizza le proprietà ed i capitali di Eurogendfor da provvedimenti esecutivi dell'autorità giudiziaria dei singoli stati nazionali.
L'articolo 23 prevede che tutte le comunicazioni degli ufficiali di Eurogendfor non possano essere intercettate. L'articolo 28 prevede che i Paesi firmatari rinuncino a chiedere un indennizzo per danni procurati alle proprietà nel corso della preparazione o esecuzione delle operazioni.
L'articolo 29 prevede infine che gli appartenenti ad Eurogendfor non potranno subire procedimenti a loro carico a seguito di una sentenza emanata contro di loro, sia nello Stato ospitante che nel ricevente, in tutti quei casi collegati all’adempimento del loro servizio.

Nel trattato di Velsen c'è un'intera sezione intitolata "Missions and tasks", in cui si apprende cheEurogendfor potrà operare "anche in sostituzione delle forze di polizia aventi status civile", in tutte le fasi di gestione di una crisi e che il proprio personale potrà essere sottoposto all'autorità civile o sotto comando militare.
Tra le altre cose, rientra nei compiti dell'Eurogendfor:
garantire la pubblica sicurezza e l’ordine pubblico;
eseguire compiti di polizia giudiziaria (anche se non si capisce per conto di quale Autorità Giudiziaria)
controllo, consulenza e supervisione della polizia locale, compreso il lavoro di indagine penale;
dirigere la pubblica sorveglianza;
operare come polizia di frontiera;
acquisire informazioni e svolgere operazioni di intelligence

Il 14 maggio 2010 la Camera dei Deputati della Repubblica Italiana ratifica l’accordo. Presenti 443, votanti 442, astenuti 1. Hanno votato sì 442: tutti, nessuno escluso. Poco dopo anche il Senato dà il via libera, anche qui all’unanimità. Il 12 giugno 2010 il Trattato di Velsen entra in vigore in Italia. La legge di ratifica n° 84 riguarda direttamente l’Arma dei Carabinieri, che verrà assorbita nella Polizia di Stato, e questa degradata a polizia locale di secondo livello. Allo stesso tempo, l'art.4 della medesima legge introduce i compiti dell'Eurogendfor, tra cui: a) condurre missioni di sicurezza e ordine pubblico;
c) assolvere a compiti di sorveglianza pubblica, gestione del traffico, controllo delle frontiere e attivita' generale d'intelligence;
e) proteggere le persone e i beni e mantenere l'ordine in caso di disordini pubblici.
In pratica, significa che avremo per le strade poliziotti veri e propri, che non rispondono direttamente delle loro azioni nè allo Stato italiano, nè all'Unione Europea.
Forse non è a rischio solo lo scioglimento della Beneamata Arma ,potrebbe essere a rischio la sovranità nazionale.

La GESTAPO E IL KGB, AVEVANO MENO POTERE..... LA FINE DEI DIRITTI CIVILI, DELLA SOVRANITA' NAZIONALE E DELLA "DEMOCRAZIA".
NON PIU' CITTADINI MA SUDDITI.....
LA LEGGE IN QUESTIONE E' ANTICOSTITUZIONALE PERCHE' CANCELLA I FONDAMENTI DELLA DEMOCRAZIA. MI AUGURO CHE I COSTITUZIONALISTI SAPRANNO REAGIRE A DIFESA DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.
Fonte:
http://www.forzearmate.org/wordpress/2013/04/28/carabinieri-anno-2014-inizia-lo-scioglimento-dellarma/

http://qpotere.blogspot.it/2012/01/scioglimento-dellarma-dei-carabinieri-e.html

martedì 21 ottobre 2014

L'India porta Bill Gates in tribunale


L'India porta Bill Gates in tribunale per gravi crimini sull'uso dei vaccini.
07/10/2014

La sua Gates Foundation sperimentato vaccini su una popolazione assolutamente non informata, vulnerabile e analfabeta. E non solo in India...
Health Impact News e Economic Times India riportano come la Bill & Melinda Gates Foundation sia stata messa sotto accusa per questioni riguardanti i vaccini.
Tutto è nato da un esposto presentato da alcuni cittadini indiani contro l’Oms, la Gates Foundation e il PATH (Program for Appropriate Technology in Health), accusati di avere sperimentato vaccini su una popolazione assolutamente non informata, vulnerabile e analfabeta, senza fornire né alle famiglie né alle ragazzine le informazioni idonee ad ottenere appunto un consenso informato, senza peraltro dare informazioni sui potenziali eventi avversi di quei vaccini e senza garantire alcuna sorveglianza post-vaccinale.

La notizia è stata resa pubblica in prima battuta dell’Economic Times India in un articolo con il quale si spiegava che erano stati effettuati test su 16.000 bambine di una scuola tribale nell’Andhra Pradesh, utilizzando il vaccino per il papilloma virus (HPV), nella fattispecie il Gardasil. Nel giro di qualche settimana l’inchiesta ha fatto il giro del mondo. Secondo l’articolo scritto da KP Narayana Kumar, entro un mese dalla vaccinazione molte delle bambine si sono ammalate e un po’ di tempo dopo cinque di esse sono morte.
Altre due bambine sono risultate decedute a Vadodara, nel Gujarat, dove altre 14.000 ragazzine erano state vaccinate con un altro vaccino HPV, il Cervarix prodotto dalla GlaxoSmithKline (GSK). La cosa sconcertante che sarebbe emersa è che molti dei consensi informati erano stati firmati illegalmente o dai custodi delle residenze dove stavano le studentesse o da familiari analfabeti. Tutto ciò è stato scoperto solo quando un gruppo di attivisti dell’associazione SAMA, un gruppo a tutela della salute delle donne, ha deciso di investigare per scoprire cosa era accaduto.

L’articolo spiega anche che 120 ragazzine sono state male, con sintomi che variavano dalle crisi epilettiche a forti dolori di stomaco, mal di testa e cambiamenti dell’umore. L’Economic Times ha riportato come ci siano stati anche casi di comparsa precoce del mestruo subito dopo la vaccinazione, forti sanguinamenti e crampi tra molte studentesse. La correlazione con la vaccinazione però è stata subito esclusa, senza nemmeno indagini approfondite, preferendo addebitare tutto a psicosi suicidarie, malaria, infezioni virali, eccetera. L’organizzazione che ha finanziato lo studio era proprio la Gates Foundation che però definì quel progetto come un autentico successo. E proprio sulla base di quelle affermazioni, l’Oms, la International Federation of Gynaecology and Obstetrics e la Federation of Obstetric and Gynaecological Societies of India hanno raccomandato la vaccinazione come di provata sicurezza ed efficacia come misura orecentiva del cancro alla cervice. I firmatari dell’esposto alla Corte Suprema indiana hanno anche sostenuto come non sia la prima volta che accadono fatti del genere.
Nel dicembre 2012 nel piccolo villaggio di Gouro, nel Chad, 500 bambini sono stati chiusi dentro la loro scuola e, da quanto ricostruito sempre dai giornali e dall’associazione americana VacTruth, costretti a ricevere il vaccino per la meningite A senza che i genitori sapessero nulla. Il vaccino non era ancora stato autorizzato poiché doveva ancora passare attraverso le fasi tre e quattro della sperimentazione. Nel giro di qualche ora 106 bambini cominciarono ad accusare mal di testa, vomito, convulsioni gravi e paralisi. Stando alle ricostruzioni, hanno dovuto attendere una settimana l’arrivo di un medico, mentre il personale che aveva somministrato loro il vaccino continuava a vaccinare altre persone nel villaggio. Quando poi il medico è arrivato, ha ammesso di non poter fare più nulla per quei bambini.

La ricostruzione di questi fatti è stata riportata da un piccolo quotidiano locale, La Voix, secondo cui alcuni bambini sono poi stati trasferiti all’ospedale a N’Djamena, capitale del Chad. Molti di essi sono ritornati al villaggio senza una diagnosi e alle famiglie pare sia stata data una somma di denaro, senza alcun documento firmato ma dopo aver ribadito che non si era trattato di danno dovuto al vaccino. L’unica televisione che ha parlato di questi bambini è stato un canale locale, chiamato Tchad, che ha mostrato anche il primo ministro mentre faceva loro visita in ospedale.
Spostiamoci in Pakistan e andiamo a leggere cosa scrive l’Express Tribune da Islamabad. E’ stata messa in piedi un’inchiesta governativa che ha scoperto come “il vaccino antipolio per bambini finanziato dalla Global Alliance for Vaccination and Immunisation stia causando morti e disabilità in alcune regioni, tra cui il Pakistan”. Addirittura la Prime Minister’s Inspection Commission (PMIC) avrebbe raccomandato al primo ministro Yousaf Raza Gilani di sospendere immediatamente tutti i tipi di vaccino forniti dal GAVI. Secondo l’Express Tribune, le principali vaccinazioni incriminate erano l’antipolio e il vaccino pentavalente che si sospettano essere la causa di morti e disabilità in Pakistan, India, Sri Lanka, Bhutan e Giappone. Da sottolineare come il GAVI sia finanziato dal Bill and Melinda Gates Children’s Vaccine Program, dalla International Federation of Pharmaceutical Manufacturers Association, dalla Rockefeller Foundation, dall’United Nations Children’s Fund (UNICEF), dall’Oms e dalla Banca Mondiale. Il rapporto della commissione asseriva poi che i vaccini non risultavano testati in laboratorio per confermarne efficacia e sicurezza.

Ma non è finita qua. Nel 2012 Ramesh Shankar Mumbai, redattore per il sto web Pharmabiz, ha riportato come due medici indiani avessero accusato la Gates Foundation e l’Oms di mancanza di etica. Mumbai ha raccontato come i dottori Neetu Vashisht e Jacob Puliyel del Dipartimento di Pediatria del St. Stephens Hospital a Delhi avessero lanciato dure accuse in uno studio comparso nell’aprile di quell’anno sull’Indian Journal of Medical Ethics rimproverando una totale mancanza di trasparenza. Gli autori dello studio facevano notare come l’incidenza di paralisi flaccida fosse aumentata in proporzione all’aumentare delle dosi di vaccino antipolio somministrate e come i bambini con quel tipo di paralisi avessero un rischio doppio di morire rispetto al rischio prodotto dalla polio dovuta a virus selvaggio.
Nel 2013 appare un altro articolo sul sito web Occupy Corporatism, scritto da Susanne Posel, secondo cui il GAVI stava usando un vaccino non testato sui bambini pakistani causando innumerevoli morti. Anche ammettendo che nelle ricostruzioni fatte da giornalisti e medici ci siano imprecisioni o elementi ancora non del tutto confermati, pare possibile ignorare fatti come questi? O non dovrebbero invece indurre chi prende certe decisioni a mettere in discussione approcci e sistemi?

Putin ha ragione quando afferma che solo una guerra fermerà questi mostri. Fonti:
La Redazione del Cambiamento.it
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it

lunedì 20 ottobre 2014

Dal Ghana: Ebola una finzione



Dal Ghana: "Ebola una finzione: i soli ad essersi infettati sono coloro che hanno ricevuto trattamenti ed iniezioni dalla Croce Rossa". Nana Kwame su FB.
La sceneggiatura orwelliana a cui assistiamo ormai nella nostra “civiltà” occidentale (fatti e non teorie…per chi ha varcato una minima soglia di pregiudizio e paura), dovrebbe lasciare porte spalancate a versioni della realtà , come quella che segue, che sembrano assurde. E’ con questo spirito di “apertura” al “troppo assurdo perché sia vero” [memo su tutti la storia delle Torri Gemelle a New York…] che vi propongo la traduzione nel seguito. Noterete che gli argomenti che seguono non sono fantascientifici, ma molto razionali e “concreti”…ergo, appafe difficile credere che l'autore sia un "semplice" svalvolato della rete.

Nana Kwame ha scritto:
Le persone nel mondo occidentale devono sapere ciò che sta accadendo qui in Africa Occidentale. STANNO MENTENDO!!! "Ebola" come virus non esiste e non si è diffuso. La Croce Rossa ha portato la malattia in 4 paesi specifici per 4 specifiche ragioni e l’infezione è contratta solo da coloro che ricevono trattamenti ed iniezioni dalla Croce Rossa. Ecco perché i Liberiani e i Nigeriani hanno cominciato a cacciar fuori la Croce Rosa dal loro Paese dicendo la verità nella loro informazione.
Ora seguitemi bene:
LE RAGIONI:
Sono in molti a pensare alla “depopolazione” quando si parla di Africa; certamente ciò è sempre nella mente dell’Occidente, ma vi assicuro che l’Africa non sarà MAI depopolata uccidendo 160 Africani al giorno, poiché ne nascono migliaia ogni giorno. Quindi le vere ragioni sono piu’ tangibili.

Ragione 1:
Questo vaccino che ha implementato la malattia e che è stato chiamato “Ebola” , è stato introdotto in Africa Occidentale con lo scopo finale di far arrivare truppe di terra in Nigeria, Liberia e Sierra Leone. Se vi ricordate l’America stava giusto cercando di entrare in Nigeria con l’operazione "Boko Haram" #BULLSHIT [stronzata] che è andata a rotoli quando i Nigeriani hanno cominciato a dire la verità.
NON CI SONO RAGAZZE SPARITE. Il sostegno globale è svanito ed ora serviva una nuova ragione per far entrare truppe di terra in Nigeria e rubare le nuove riserve di petrolio che hanno scoperto.

Ragione 2:
La Sierra Leone è il secondo maggior fornitore di diamanti al mondo. Negli ultimi 4 mesi sono stati in sciopero, rifiutandosi di fornire diamanti causa le orribili condizioni di lavoro in cui versano e la paga da schiavi.
L’ Occidente non pagherà mai un salario equo per queste risorse, perché l’idea è di tenere le persone a sopravvivere con solo un sacchetto di riso e l’aiuto dall’estero cosi che essi possano restare una eterna fonte di schiavitù a buon mercato.
Serviva anche un ragione per passare con truppe di terra in Sierra Leone, per imporre una fine agli scioperi dei minatori di diamanti. Non è la prima volta che si fa una cosa simile. Quando i minatori si rifiutano di lavorare, vengono inviate delle truppe in loco; anche se devono uccidere e sostituirli tutti, l’unico desiderio resta quello di riavere i diamanti per portarli fuori dal paese.
Naturalmente lanciare multiple campagne per invadere questi paesi individualmente, comincerebbe ad essere troppo sospetto. Ma qualcosa come “Ebola” consente un accesso all’intera area in contemporanea

Ragione 3:
Oltre a rubare il petrolio nigeriano e costringere la Sierra Leone a ritornare nelle miniere, sono state mandate delle truppe anche per COSTRINGERE alle VACCINAZIONI (il veleno mortale di “ebola”) quegli Africani che non sono abbastanza stupidi da farsele fare volontariamente.
Sono state inviate 3000 truppe per accertarsi che questo “veleno” continui a diffondersi, perché - ripeto- questo si diffonde solo grazie alle vaccinazioni. Vengono pubblicati sempre piu’ articoli in Liberia, per informare la gente sulle menzogne e manipolazioni degli USA . Sempre piu’ Africani si rifiutano di visitare la Croce Rossa.
Le truppe imporranno queste vaccinazioni sulla popolazione, per confermare visibilmente la pandemia di Ebola. In aggiunta a ciò , proteggeranno la Croce Rossa da Liberiani e Nigeriani che con diritto li espellono dai loro paesi.

Ragione 4:
Non ultimo, la comparsa di questa “pandemia” di Ebola (se per caso gli Americani non lo cogliessero) sarà usata per spaventare i molti milioni e far loro prendere “il vaccino” per Ebola…che è veramente la pandemia.
Hanno già cominciato con dell storie su come è stato portato in USA ed è comparso a Dallas, su come dei medici bianchi sono stati curati ma ora ai neri infettati non è concesso il trattamento etc etc.
Quel che tutto ciò causerà sarà che i neri dovranno battersi per avere il vaccino, perché sembra che la “cura” sia interdetta ai neri. Arriveranno a orde per averlo e allora ci saranno problemi seri. Con tutto quel che abbiamo visto che è stato rivelato quest’anno sui vaccini, uno penserebbe anche che la lezione è stata appresa…Tutto quel che posso fare è…sperare che cosi sia. Poiché essi fanno affidamento sulla nostra ignoranza, per completare le loro “agende” [nel senso di programmi].
Chiediti: se Ebola fosse stato trasmesso da persona a persona, anziche’ con una diffusione controllata attraverso una vaccinazione, perché il CDC e il governo USA continuano a permettere voli fuori e dentro da questi Paesi, senza che ci siano regole? E perché soprattutto continuare a volare in quei paesi?
Dobbiamo cominciare a pensare e condividere informazioni globali, poiché essi non forniscono la vera prospettiva della gente che vive in Africa Occidentale.
Mentono per loro profitto e non ci sono abbastanza voci la fuori, con una precisa piattaforma, per aiutarci a condividere la nostra realtà. Centinaia di migliaia sono stati uccisi, paralizzati resi disabili da questo o quel vaccino , in tutto il mondo e finalmente ce ne stiamo rendendo conto.
Ora che facciamo con tutte queste informazioni?
Sul post originale
Debunking the Nana Kwame Debunk
Nana Kwame è l’uomo dal Ghana che ha comunicato l’imbroglio di Ebola per mandarlo in frantumi e qualcuno là fuori è ovviamente incazzato per questo.
Su Facebook [si veda qui all'originale di questo articolo] è stato generato un profilo, che afferma di essere il vero Nana Kwame, ritraendolo come una persona che è stata in carcere molte volte e come punk americano analfabeta. Imbonitori e trolls stanno cercando di farlo passare alla grande in questi termini .
Ecco qui cosa rende falsa tutta questa manovra:

C’è un business legittimo in Ghana di cui Nana è comproprietario. E in quella pagina business di Facebook, Nana viene elencato come comproprietario e barista. Questo non sarebbe possibile se Nana fosse un punk di strada, americano. E per smontare la successiva affermazione degli imbonitori…
“ Costui ha trovato un business in Ghana ed ha mutato la sua identità”.
OK BENE, ma come ha potuto farlo ed essere a capo di un imbroglio e poi in due giorni ricevere 10.000 “hits” sul suo post (cosa che è successa prima che io postassi il mio) ? Come sarebbe possibile tutto questo se Nana non fosse stato già molto famoso da qualche parte? Ovviamente Nana ha un grande business e la sua comunità gli vuole bene.
Ecco la miglior prova: lo stile dell’inglese di Nana. Non è americano, tuttavia è PERFETTO. Se Nana fosse un punk di strada con una educazione scolastica in America, come potrebbe il suo inglese essere cosi rispondente a quello del Ghana, che un tempo fu occupato dalla Gran Bretagna e quindi usa di conseguenza l’inglese, VERO INGLESE, come lingua principale ?
DOMANDA: quanti punks americani incarcerati piu’ volte, possono mettere insieme una mini-tesi in perfetto inglese? E come conseguenza causare un tale putiferio?

LA DOMANDA DELLA PROVA INCONFUTABILE :
Guarda il sito “one plus one private”, sulla pagina di Facebook e poi leggi l’articolo di Nana dal Ghana. CORRISPONDONO PERFETTAMENTE
E’ ovvio che si tratta dello stesso uomo, con cultura, che ha fatto il tutto. E da quando questi siti sono online? Dal LUGLIO del 2013, UN ANNO PRIMA CHE SCOPPIASSE EBOLA E CHE NE PARLASSERO I NOTIZIARI.
E se non stessi irritando qualcuno da qualche parte, perchè il [mio] forum è saltato per aria il primo giorno? Potete mentire quanto volete e loro vi lasciano in pace. Perchè questo sito è diventato invece un bersaglio?
Agli imbonitori e mentitori: via i vostri imbrogli. E quando avete finito, spero vi becchiate il vaccino con la peggiore formulazione possibile. Dato che un sito è già stato fritto, mi fermo qui…

by Jim Stone, giornalista freelance
fonte: http://www.jimstonefreelance.com/ebolie.html
traduzione Cristina Bassi per www.thelivingspirits.net

martedì 14 ottobre 2014

Gli Stati Uniti verso l'abisso



In questa intervista del 2004 Vladimir Putin anticipa lo scenario geopolitico e i temi di politica internazionale di quest'ultimo decennio. Con un'introduzione di Giulietto Chiesa.

Il declino degli Stati Uniti sta ormai galoppando, anche se i media raccontano che l’America avrebbe ritrovato salute economica e fiorente mercato del lavoro. Dicono anche che gli Usa si siano dotati di un futuro energetico veramente roseo e che continuino a essere un modello per l’Europa e per il mondo. Certo, gli indici di Borsa sono alle stelle, ma questo non significa che una società e un’economia siano uscite dalla crisi: il record, si legge su “Leap 2020”, è l’effetto della politica monetaria dei “soldi facili” praticata dalla Fed, mentre gli investitori «non trovano altri investimenti che non siano quelli sui sopravvalutati titoli azionari e sull’ingannevole finanza innovativa».
L’America? È in bilico: «La smisurata arroganza di una nazione che considera se stessa “il paese di Dio”, la “numero uno” su tutte le cose di questo mondo, l’araldo di tutti i valori dell’umanità, sta spingendo gli Stati Uniti verso un abisso». Lo conferma la geopolitica: caos totale in Medio Oriente, dopo 13 anni di impegno militare diretto. Per non parlare della folla sfida lanciata alla Russia in Ucraina.

La crisi ucraina, continua “Leap 2020”, ha le sue radici nella politica americana basata sul “contenimento della Russia”, che risale al celebre “Long Telegram” inviato da George Kennan, ambasciatore a Mosca, il 22 febbraio 1946. Kennan esprimeva la convinzione che, sul lungo termine, la pace con la Russia sarebbe stata impossibile, perché quel paese stava ancora cercando di ampliare la sua sfera d’influenza. Ora, «sarebbe profondamente preoccupante se chi è al potere a Washington non fosse in grado di cogliere la differenza tra l’Unione Sovietica sotto Stalin e la Russia di oggi sotto Putin», sopravvissuta al crollo dell’Urss e alle amputazioni territoriali, strategiche e demografiche. Inoltre, l’economia di Mosca «fu notevolmente compromessa dal programma “riformatore” del Fmi ispirato dagli Stati Uniti, che le fece perdere gran parte della sua ricchezza nazionale, con le famigerate privatizzazioni riservate alla nascente “classe degli oligarchi”». Oggi la Russia è circondata, «sia dall’alleanza militare avversa (la Nato, che si era fortemente ampliata) che dal blocco economico europeo, presente finanche all’interno del suo stesso ex territorio, il Baltico».

L’obiettivo del “contenimento” in versione 2014 è legato essenzialmente a motivazioni di tipo economico: «L’aspirazione dei funzionari americani è quella di aprire l’Ucraina ai prodotti americani, di impossessarsi del suo immenso patrimonio agricolo (la speculazione si sta gettando sul settore alimentare) e delle sue grandi società, e di aprire infine il mercato energetico europeo al gas ed al petrolio di scisto americano». Ma gli Usa, sostiene “Leap 2020”, non dispongono neppure dei mezzi militari per un confronto con Putin. E scontano ancora tutti i fallimenti a catena degli ultimi 13 anni: «L’Afghanistan continua a essere destabilizzato ed è ancora il primo produttore di oppio al mondo, in Iraq l’autorità del governo centrale è implosa, mentre in Siria la lotta contro il dittatore Assad (che è ancora al potere) ha generato un nemico ancor più feroce, l’Isis». Morale: «Tutto ciò a cui i funzionari americani hanno dato inizio, negli ultimi tredici anni, si è trasformato in un disastro». E il conto è salato: da 4 a 6 miliardi di dollari, secondo gli analisti di Harvard, solo nel 2014.

«Ormai da molti anni gli Stati Uniti non sono più la superpotenza in grado di risolvere qualsiasi problema attraverso una campagna militare», sostiene “Leap 2020”. «La causa è da ricercare innanzitutto nello squilibrio tra ambizione e sforzo, e subito dopo nella mancanza di risorse: e visto che il potere globale degli Stati Uniti è stato costruito sul potere militare, questo paese è ormai solo l’ombra di quello che era stato». Non è sorprendente, quindi, che il governo americano abbia riscoperto l’utilità della Nato per muovere le sue pedine in Ucraina: «Ha messo in atto un’enorme pressione sui governi dei paesi membri, perché essi aumentino il loro budget militare, ma l’esito è stato abbastanza incerto». L’obiettivo di effettuare nuove spese militari per un importo pari al 2% del Pil di ogni singolo paese, in effetti, è stato spalmato su un periodo che arriva fino al 2024. La Germania, inoltre, ha ulteriormente ridimensionato il proprio impegno. E la decisione di creare una forza d’attacco rapido, composta da 3.000-5.000 soldati, «impallidisce davanti ad un esercito russo pari a 1,15 milioni di soldati e a 2 milioni di riservisti pronti a combattere». La forza Nato, inoltre, avrebbe solo un equipaggiamento leggero, «in ossequio all’idea, veramente geniale, che tutto ciò permetterà ai soldati di schivare più facilmente i 6.500 carri armati russi».

Nel confronto con la Russia, secondo “Leap 2020” la Nato «è come un’ape davanti a un orso», prova del fatto che «i funzionari americani hanno perso qualsiasi senso della realtà». Così, «il “colpo di stato” orchestrato dall’Occidente ha fatto perdere legittimità al governo centrale ucraino nei riguardi della popolazione di lingua russa, e ha quindi aperto la strada all’acquisizione dell’Ucraina Orientale da parte della Russia, probabilmente sotto forma di un’ampia autonomia all’interno di uno Stato Federale Ucraino, sottoposto ad una forte influenza russa». Analogamente a quanto già avvenuto in Medio Oriente, la politica e il comportamento del governo degli Stati Uniti, «basati sull’infallibilità delle strategie e sull’onnipotenza dell’America», hanno gettato nel caos un’intera regione, rafforzando in fin dei conti «le forze che si opponevano agli Stati Uniti».
Fonte: libreidee.org
LEAP 2020