sabato 18 gennaio 2014

Il Mattino dei maghi


Il Mattino dei Maghi, la prima edizione di questo libro uscì nel lontano 1963, e l’anno successivo uscì una nuova edizione perché la prima fu venduta in pochi mesi. Io mi accorsi di questo prestigioso libro nel 1971, edizione Gli Oscar Mondatori. Ricordo che lo comprai in piazza San Silvestro. Dovevo vedermi con una persona, e dato che arrivai un po’ in anticipo, per occupare il tempo entrai nella storica libreria Feltrinelli, e fui subito attratto dal cartellone pubblicitario che sfoggiava la copertina con quei misteriosi simboli alchemici. L’alchimia, la magia, la mistica e il fantastico in generale, sono parte di me da sempre. Ricordo che lo pagai 900 Lire. In copertina, in basso a sinistra compariva la scritta: volume doppio. Pagine 518. Copia N. 9679.
Per me fu una vera rivelazione perché conteneva moltissime risposte ai miei tantissimi interrogativi. Soprattutto per la parte che trattava argomenti occulti ed esoterici. Il Mattino Dei maghi divenne parte di me. Era il libro più importante che avevo letto fino a quel momento. Oggi a distanza di tantissimi anni, dopo averlo nuovamente letto, devo costatare di non aver mai più letto niente di simile, a parte Giordano Bruno, Salvator Freixedo e Zecharia Sitchin. Oggi sfornano libri di nessun valore letterario degno di questo nome. E’ tutto un continuo copiare. Quello che va di moda nella nostra epoca e il gossip. Diversamente Il Mattino dei Maghi, è il risultato di una minuziosa ricerca storica durata anni. Quella storia che la scienza continua a negare o a far finta di non sapere. Ma grazie a Louis Pauwels e Jacques Bergier, sono state aperte porte e portoni.

Louis Pauwels giornalista e scrittore belga di lingua francese, morto a 77 anni, il 28 gennaio 1997; Jakov Michailovič Berger, Odessa, (Russia) 8 agosto 1912 di adozione francese. Morto a Parigi, il 23 novembre1978. Aveva 66 anni. Fu un giornalista, scrittore e ingegnere francese, più noto con il suo nome francesizzato di Jacques Bergier.
Questo libro, durante gli anni scomparve misteriosamente dalla mia libreria. L’ho cercato tanto senza esito. Poi per puro caso, mentre cercavo tra gli scatoloni che ho nel soppalco, mi è apparso tra le mani come per magia. Non immaginate quanta gioia ho provato per averlo ritrovato. Non ho idea come sia finito in quella scatola, ma averlo ritrovato è stata una grande felicità. Questo libro, è praticamente introvabile. Quindi una vera rarità, soprattutto per i temi affrontati, che praticamente anticipano anche Zecharia Sitchin. I capitoli che trattano la nascita del sistema solare, e i satelliti e i pianeti mancanti raccontano una storia molto diversa da quella che insegnano nelle scuole di tutto il mondo. Lo stesso vale per le origini dell’uomo, degli “dei”, e delle civiltà scomparse misteriosamente. Temi che pur essendo molto simili a quanto riportato nelle tavolette sumere, rivelano particolari ed eventi inediti. Eventi volutamente ignorati dalla scienza ufficiale. Ma i capitoli più intriganti e affascinanti ….. (almeno per me) oltre alla maniacale raccolta di casi inspiegabili di Charles Fort, sono i capitoli che trattano l’occultismo e, l’alchimia di cui riporto alcune righe.

A raccontare naturalmente è Louis Pauwels.
Fu al caffè Procope, nel marzo del 1953 che incontrai per la prima volta un alchimista. A presentarmelo fu Bergier. Costui (l’alchimista) pretende di sapere che la pietra filosofale è una realtà. Tornato a casa, come facevo con ogni evento che reputavo importante, scrissi una nota su quell’incontro.
Che età può avere? Dice 35 anni. Questo stupisce. La capigliatura bianca, riccia. Rughe numerose e profonde in una carnagione rosea. Occhi ridenti, ma distaccati. Dietro questo affabile viso, fuori dal tempo c’è una sfinge. Nei successivi incontri, gli fu chiesto una prova dell’esistenza della pietra filosofale. L’uomo promise di ritornare la mattina dopo, alle nove, e di mostrarla. La mattina dopo fece fondere 3 grammi di piombo; rivestì la pietra filosofale di cera, e la lasciò cadere nel metallo liquido. Questo si mutò in oro. Lo portammo all’orefice, e sbalordito, dichiarò di non aver mai visto un oro più puro. La notizia si diffuse velocemente. Bergier che non possiamo contare nel numero degli ingenui, si reco dall’orefice per rendersi conto in prima persona. Il risultato fu oltre ogni dubbio.

Il mondo scientifico, si comporta come se l’alchimia fosse estranea al metodo scientifico. Almeno apparentemente, trattano l’alchimia allo stesso modo dell’astrologia. Dimenticando che gli alchimisti, sono i padri fondatori della chimica e della metallurgia in particolare. E non mi sembra poca cosa. Fino al diciottesimo secolo, l’alchimia era considerata una scienza seria in tutta Europa, tanto che era praticata dai più importanti scienziati dell’epoca, tra cui Isaac Newton, che dedicò a tale disciplina più tempo che all’ottica e alla fisica. Persino Giordano Bruno si dedicò alla ricerca alchemica. E nonostante esistono oltre 300 trattati di alchemica, questi antichi libri, sono stranamente ignorati dal mondo scientifico. Come mai la scienza ignora tali manoscritti? – O forse li conosce anche troppo bene e per questo li ignora?
Non penso sia fantasioso sospettare che forse, la trasmutazione dei metalli vili in oro, è vera realtà, così come testimoniano Louis Pauwels e Louis Pauwels? – Immaginate le conseguenze se tale realtà fosse resa di dominio pubblico. L’oro che controlla il mercato mondiale, perderebbe di significato, facendo crollare tutto il sistema bancario mondiale. Lo stesso si può dire dell’energia libera, scoperta da Nicola Tesla. Considerata una vera bufala dalla scienza ufficiale, ma non penso sia un caso che i telefonini di Nokia di ultima generazione si caricano via etere, utilizzando la tecnologia Wifi. Allora Tesla non era pazzo quando affermò che per ricevere l’energia di cui si ha bisogno è sufficiente mettere una apposita antenna sul tetto di casa.

Per l’alchimista la trasmutazione è solo un fenomeno secondario, fatto soltanto a scopo dimostrativo, dato che il vero scopo dell’alchimista è l’illuminazione, o trasmutazione dell’essere.

Parlare di trasmutazione dell’essere per un profano o uno scettico, equivale a parlare dell’aria fritta. Ma per quello che può interessare, io, è da quando sono nato che sento sia possibile. E inconsciamente è da sempre che tendo verso tale traguardo. Non bisognerebbe stupirsi di questo perché, come in natura esistono gli stadi della materia, allo stesso modo esistono gli stadi dell’essere. Ma a differenza della materia, l’anima ha un ulteriore stadio: quello spirituale. L’illuminazione per l’alchimista consiste nel trasmutare verso tale stadio; poter attraversare il tempo e lo spazio interdimensionale…. morire e rinascere nello stesso spazio tempo.

Un altro nutrito capitolo di notevole interesse, riguarda la vera storia dell’ascesa di Hitler al potere, e i veri obbiettivi della sua politica razziale. E cioè, la trasformazione dell’uomo germanico, in una creatura psichica e mistica: la società del Vril. A capo di tale ideologia c’è lo scienziato e mistico Horbiger, vero ispiratore e guida spirituale di Hitler.
Coinvolto a tal punto che invia un gruppo di studio nel Tibet, alla ricerca di antichi manoscritti, per impadronirsi di antiche conoscenze, essenziali per attuare il suo progetto occulto e fantastico di un nuovo mondo.
Hitler era in contatto con creature sovrumane. Esseri potentissimi. La loro presenza era talmente potente che gli umani sanguinavano al loro cospetto. Una persona del suo seguito, raccontò che Hitler, si svegliava la notte tra terrificanti urla. Invocava aiuto, seduto sulla sponda del letto come paralizzato. In preda a un panico che lo faceva tremare al punto da scuotere il letto.
E’ lì! Lì! Nell’angolo! E’ lì! …..lo vedo! – (Se tutto questo è vero, mi chiedo come poteva il gruppo dirigente allearsi con esseri così potenti rispetto alla loro misera condizione umana….) Batteva il piede sul pavimento e urlava dal terrore. Tali eventi documentati non figurano nella storia scritta dai vincitori. E come potrebbero mai farlo! Altrimenti dovrebbero svelare anche tutto il resto della condizione in cui versa l’umanità.

Quello che non mi è chiaro, è la scellerata scelta di annientare il popolo ebraico. Tale scelta a mio parere nasconde qualcosa di inquietante che va ben oltre le leggi razziali, o l'accusa che gli ebrei controllavano la finanaza mondiale. Il popolo ebraico, può essere tutto, ma non un popolo inferiore, al popolo germanico o a qualsiasi altro popolo del pianeta. Inoltre tale scelta, secondo me, fu controproducente, soprattutto perché i campi di sterminio, sottraevano importanti risorse che potevano essere impiegate per sostenere lo sforzo bellico. Piuttosto penso che l’ordine di sopprimere il popolo ebraico sia venuto da quelle potenti entità aliene alleate. E’ possibile che queste entità aliene, intendevano eliminare il popolo ebraico, per vendicarsi di forze aliene rivali. Forse le stesse che conferirono al popolo ebraico il titolo di popolo eletto. Personalmente, mi rifiuto di credere che Hitler decise di sterminare gli ebrei, perché considerati inferiori, e che l’umanità sarebbe risultata migliore senza di loro. Neppure un autentico pazzo, avrebbe potuto credere ad una sciocchezza del genere.

Inoltre si parla dei famigerati uomini in nero. Si racconta che antichissimi libri di migliaia di anni, raccontano di uomini in nero. Questi uomini, che sono presenti in ogni apparizione o evento occulto, soprannaturale o alieno, hanno il compito di far si che la verità sulla vera natura umana e l’antica conoscenza resti nascosta, per impedire agli uomini di questa ed altre dimensioni di scoprire che liberarsi degli Artefici è possibile.
Gli abitanti della terra, ignorano di essere prigionieri di potenti forze esterne al nostro pianeta. Esseri di altri mondi. In Vaticano, esiste un piccolissimo gruppo che si tramanda tali conoscenze , con il segreto compito di fungere da intermediari con gli occulti invasori alieni. Non è per caso che la chiesa, afferma di essere la voce di dio in terra. Quello che non dice, è che non si tratta di dio, ma di esseri venuti da un altro mondo per controllare la nostra esistenza. In altre parole, siamo per loro, ciò che gli animali da macello sono per noi. Nulla è lasciato al caso. E debbo dire che non abbiamo per ora nessuna speranza di sottrarci alla loro schiavitù. Tutta la nostra esistenza è stata progettata per assolvere a tale destino. Ma gli alieni sono solo una conseguenza della condizione materiale di questa dimensione.
Tale verità è visibile intorno a noi, ma le nostre menti sono oscurate per rimanere dormiente. La nostra vita, è intenzionalmente breve, proprio per impedirci di scoprire la verità sulla nostra condizione. Chi siamo veramente e da dove veniamo. E la ragione per cui ci troviamo su questo pianeta imprigionati in un corpo tanto fragile e limitato. Se riflettete, potreste accorgervi che se escludiamo il periodo dalla nascita all’adolescenza, e il secondo periodo in cui siamo catturati dalla scuola fino alla maturità o fino all’età lavorativa, e a questo aggiungiamo il successivo periodo in cui formiamo una famiglia…. quasi sempre privi di consapevolezza su ciò che stiamo per fare, con la conseguenza di mettere al mondo almeno un figlio, ignorando il destino a cui lo condanniamo. E se a tutto questo aggiungiamo che la nostra vita se tutto va bene, dura circa 80 anni, di cui almeno un terzo lo trascorriamo dormendo. Potremmo renderci conto che la nostra vera vita, non dura più di una ventina di anni. E se a questi anni, aggiungiamo che la sofferenza, per una ragione o un'altra, è presente a giorni alterni …… naturalmente se siamo fortunati. Ebbene, allora, e solo allora, forse potremmo renderci conto che esiste una verità, una realtà molto diversa da quella che ci hanno insegnato dalla nascita.

Vi sembrano sciocchezze, vero? – Neppure per idea, dato che non è finita qui!
Per esempio vi siete mai chiesto perché dobbiamo dormire dalle sei alle 8 ore al giorno? – La scienza, giustifica tale necessità con il bisogno dell’organismo di rigenerarsi; permettere al cervello di riorganizzare le memorie e i collegamenti neurologici o cose del genere. Ebbene sono tutte balle. Il cervello riesce a riorganizzare le memorie in pochi minuti, lo stesso vale per le altre necessità.
Dormire ….. per gli umani, è sinonimo di riposo, vero? - Allora vi siete mai spiegato la ragione per cui, dopo aver dormito anche otto ore in una notte, ci sono giorni che quando vi svegliate vi sentite più stanchi di quanto siete andati a dormire la sera prima.
Un altro “enigma”, riguarda i sogni. I ricercatori non concordano né sul perché sogniamo, né perché dormiamo dalle sei alle otto ore. Tenuto conto, che non esiste un solo essere umano che sia completamente identico ad un altro, ci si chiede come sia possibile che tale caratteristica non vale per i sogni. Nel senso che la durata dei sogni negli esseri umani dovrebbe essere diversa per ogni singolo individuo. Invece tutti, dico tutti, sognano esattamente circa due ore. Difatti, recenti studi hanno dimostrato che gli umani possono sognare solo due ore, durante la fase del sonno, che come è noto, mediamente dalla nascita, per riflesso, dura dalle sei alle otto ore. Questo è un vero mistero. Soprattutto perché malgrado decenni di studio, non si è ancora scoperto la zona che interessa il sonno e i sogni. Si ipotizza che nel nostro cervello, esiste una zona “aliena”, non ancora individuata. Ammesso che sia possibile individuarla….

Tutto lascia credere che sia proprio da tale zona che nascano, o meglio, transitano i sogni. Personalmente, ho sempre saputo, che i sogni altro non sono che esperienze di vita in altri universi; una porta verso altre dimensioni. Secondo me, la prova la troviamo in certi sogni fantastici. Preciso che l’aggettivo fantastico, ha ragione di essere, solo perché tali sogni, sono estranei al nostro mondo per i limiti che tutti conosciamo, ma naturali e coerenti nella dimensione in cui si realizzano.

Vi siete mai chiesti come mai dormendo consumiamo, o meglio disperdiamo oltre 600 calorie per notte. Tenuto conto che il corpo è completamente fermo e rilassato, con tutte le funzioni al minimo, come mai consumiamo così tante energie? – Quasi la metà di una giornata di lavoro! – E’ scientificamente dimostrato che per permettere all’organismo di recuperare la forma fisica, due ore di sonno al giorno, sono più che sufficienti.
Allora cosa accade durante il sonno? E’ davvero poco credibile immaginare che durante la notte, esseri invisibili ci sottraggono qualcosa? – E’ davvero così poco credibile? – E forse più credibile, credere in un dio e in una religione che condanna l’omicidio e la malvagità contro i propri simili e la natura, per poi costatare che gli stessi che predicano tale credo, si sono macchiati di orrendi genocidi? - E i seguaci di tale fede, anche loro per la maggior parte, non disdegnano di compiere gli stessi cremini se questi rientrano nei loro interessi! – Ebbene, nonostante tutto questo, la gente continua a credere in dio e nella chiesa.
Vi siete mai chiesto come sia possibile una assurdità del genere?
Ebbene tutto questo è possibile perché il vostro cervello, la vostra anima, è oscurata da coloro che controllano la nostra esistenza su questo pianeta: gli Artefici.

Vi siete mai chiesti perché il mondo è immutabile ….. sembra come narcotizzato. Incapace di compiere anche un piccolo passo in avanti. Da che mente ricorda, più o meno, esiste lo stesso assetto politico e sociale. Cioè, una ristretta minoranza, straricca, e potente, che regna su miliardi di esseri che vivano di stenti, e tantissimi altri, muoiono di fame e malattia. E poco importa che al potere ci siano monarchi, duchi, o banchieri, la musica è sempre la stessa. Come ho gia scritto in passato, cambia solo la scena, ma il copione è sempre lo stesso.
Ritornando alla domanda principale: come mai ci consentono una così breve esistenza, la risposta è semplice! – Perché vivendo a lungo, l’anima dei più consapevoli finirebbe per emergere sulla materia, dato che la materia, o il corpo biologico, può resistere all’anima, solo per un breve periodo di tempo. Svegliandosi dai legami del corpo, l’anima mostrerebbe al resto dell’umanità l’avvenuto risveglio, rendendo così consapevoli anche gli altri di ciò che realmente siamo e soprattutto come renderci liberi dagli Artefici. Difatti non è un caso che ogni 15 mila anni circa, il mondo subisce una catastrofe ….. al punto da essere azzerato per ricominciare tutto dall’inizio, come se prima non fosse esistito null’altro.
Vi sembra tanto assurdo quanto detto sopra? – Ebbene che ci crediate o meno, è questa la verità. Di sicuro è molto più assurdo credere in un dio e in una religione che fa esattamente il contrario di quanto predica, e la gente il contrario di ciò che crede.

Il potere, la schiavitù sotto il dominio di entità aliene; gli alieni stessi che a loro volta sono schiavi come noi degli artefici, schiavizzandoci, ignorano di servire lo scopo degli artefici. Ma anche se ne fossero coscienti non potrebbero fare diversamente così come noi non ci sottraiamo a fare del male ai nostri simili.
La sofferenza, le malattie, le umiliazioni, la morte ……. il mondo fisico, e le dimensioni materiali. Tutto questo per servire i signori dei mondi e delle dimensioni visibili e invisibili: gli Artefici. Coloro che esistono ed agiscono nell’ombra. Coloro che attraversano i nostri occhi e oscurano la nostra anima senza provare un poco di pietà. Sono costoro i nostri veri nemici, ed è da questi che dobbiamo liberarci dopo esserci opposti ai predoni alieni. Allora sarebbe auspicabile che i potenti della chiesa che fungono da intermediari con gli alieni, trovino il coraggio di rompere il patto malefico con queste forze demoniache e lascino a loro il compito di tenere sotto schiavitù gli umani. E poco importa la minaccia di sterminio, se rifiutiamo di sottometterci. Non è forse sterminio ciò che subisce l’umanità ogni giorno di questa vita? - Per quello che ne so, non l’attuerebbero perché da morti non le serviremmo a nulla, ma soprattutto perché non è in loro potere la decisione di annientarci, ma degli Artefici. Cosa che non farebbero mai perchè per loro necessita che siamo vivi, per sottrarci l'energia vitale dell'anima.
Inoltre nulla esclude che potrebbero anche lasciarci liberi al nostro destino. E chissà, con il tempo, impareremmo a convivere in pace e armonia, e insieme, trovare la strada per liberarci dal corpo fisico, trasmutando, allo stesso modo del piombo, che diventa oro.

9 commenti:

  1. Ben difficilmente l'Umanità riuscirà a rendersi consapevole, poiché, infantilmente, preferisce coltivare le proprie illusioni, piuttosto che ammettere la verità. Il mito platonico della caverna parla proprio di questo: uno schiavo prigioniero di ciò che appare vero, buono e giusto un giorno riesce a liberarsi dalle catene che lo tengono imprigionato e guadagna l'uscita dalla caverna. Per amore dei suoi simili decide poi di ritornare indietro per svelare loro ciò che aveva visto, ma i suoi compagni, preferendo l'inganno alla verità, lo uccidono. Grazie Marco per aver scritto questo saggio. Piero

    RispondiElimina
  2. Caro Piero, è incredibile quanto sia profondo il sonno della coscienza degli umani, raccontato sia da Platone, sia da tanti altri dello stesso livello e carisma intellettuale. Ma ahimè, nonostante la lungimiranza di questi esseri, che pur se esaltati e citati continuamente, c’è da dire, che a parte rare persone come te, la stragrande maggioranza li esaltano e li citano solo per darsi un tono. Ma in sostanza i loro insegnamenti, sono considerati, modi di dire, congetture; stravaganze filosofiche da consumare come le merendine. L’illusione è potente nella mente dell’umanità, a qualsiasi longitudine.
    Purtroppo è proprio così, i dormienti non amano essere svegliati perché non sono pronti per affrontare la verità. Allora meglio illudersi. Illudersi, non richiede alcuno sforzo. Non occorre pensare; non serve porsi domande. E’ preferibile, illudersi con rappresentazioni varie di realtà virtuali, piuttosto che sforzarsi di capire.
    Grazie del commento Piero, il tuo pensiero, è sempre gratificante.
    Marco

    RispondiElimina
  3. SONO MOLTO SUPERIORI a noi mi seri ANIMAli.
    Fanno parte della PRIMA GENERAZIONE a differenza di noi che sia LORO CREAZIONE.
    Lo so che non sono gradito in questo POSTo, ma IO SO perché ritorno.
    Tu lo sai?
    E il TUO elohim lo sa?
    Mauro "pallino" lo ha scoperto nelle scritture il PICCOLO ELOHIM che si prende CURA DEI VERMICIATTOLI d'Israele (Israel: LOTTATORE e VITTORIOSO sul SUO GENIO-ANGELO-ELOHIM).
    Perché ti ArRENDI a CAPIRE?
    Tu che hai studiato TUTTA una VITA a cercare il SENSO della PIETRA FILOsoFARE?
    Eppure il coDICE è SEMPLICE.
    Ha VINTO il PIU' SCALTRO e non il PIU' FORTE.
    L'elohim di Hitler ha eseguito un PASSO falso, come GOLIA nei confronti del piccolo Davide, che poi a SUA VOLTA cadde nello stesso PECCATO che GIACOBBE seppe VINCERE.
    L'uomo fa sempre lo stesso sbaglio sul V.I.T.R.I.O.L.
    Pretende di ESSERE ILLUMINATO e non sa che E' l'ELOHIM ad ILLUMINARLO.
    Il TUO elohim fu il primo che conobbi, ma adESSO seguo CHI sa COSA vuol dire MASSONERIA e il DIFENDERE il FIGLIO delle VEDOVA TERRA.
    Io cerco di restituire la DECIMA a TE, ma tu la rifiuti sempre.
    PERHE'?

    RispondiElimina
  4. In questo blog, possono entrare tutti, se i commenti che lasciano sono coerenti e rispettosi con i temi del blog, perchè rapresentano le sofferenze, le ingiustizie e gli inganni, che soffre l'umanità.
    Riguardo "LA DECIMA", imposta dai ladroni del tempio, la rifiuto perchè non è molto diversa dal pizzo che i mafiosi pretendono dagli esercenti e altre categorie produttive.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E con cosa sfameranno gli ORFANI e le VEDOVE?
      C'è tanto da imparare su MASSONERIA e altro, visto che giocano come bambini a ritenersi ILLUMINATI e ARCHI-TETTI di un TEMPIO che pensano ancora fatto di PIETRE.
      La TUA DECIMA me la SOpPORTERO' IO.
      Il RESTO lo LASCERO' al PADRONE che mi nutre e mi tiene in VITA.

      Elimina
  5. Federico De Michele11 giugno 2014 16:28

    Il Mattino dei Maghi è il mio libro preferito. L'avrò letto decine di volte, tanto che so a memoria molti passi. Tutto di quel libro mi interessa, l'Alchimia, le civiltà scomparse, le vicende degli scienziati atomici, quelle del Terzo Reich, la narrativa e gli interessi di Arthur Machen, per finire alla nozione del 'Realismo fantastico' e di quella dell'Uomo Superiore prossimo venturo.
    Anche io ho una copia degli Oscar Mondadori, quella con in copertina Stars, di M.C. Escher e con la bella, anche se un pò scettica, prefazione di Sergio Solmi.
    "Una vita d'uomo non si giustifica se non con lo sforzo, anche sfortunato, tendente a capire meglio. E capire meglio è aderire meglio. Più capisco, più amo, perchè tutto ciò che è capito è bene."

    RispondiElimina
  6. Federico De Michele11 giugno 2014 16:32

    LE MATIN DES MAGICIENS - 1960 Librairie Gallimard

    RispondiElimina
  7. Bella la frase: più capisco e più amo. Difatti, ho sempre pensato che la conoscenza sia un profondo e lungimirante atto d'amore, che conduce alla consapevolezza; e la consapevolezza all'Oltre. (Ossia a ciò che realmente siamo una volta liberi dal corpo fisico.)
    Il mattino dei Maghi è unico nel suo genere. Penso che oggi, sia davvero difficile trovare autori animati dalla stessa passione e spirito di ricerca. di Louis Pauwels e Jacques Bergier.
    Un saluto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Bruscamente cominciai a capire, in carne e in spirito, che non ero più prigioniero, nè condannato a morte, e che avevo tutto il tempo e tutta la libertà per capire e per agire. Prima di tutto avevo quella intera notte, se volevo..."
      Jacques Bergier, tramite Louis Pauwels. Il Mattino dei Maghi.

      Elimina

I commenti sono sottoposti a controllo.