martedì 10 marzo 2015

Leopardi e l'Infinito


Di poeti importanti ce ne sono davvero tanti, ma solo uno li contiene tutti. Questi secondo me, è LEOPARDI. E non tanto per le sue toccanti e profonde liriche, poesie ecc. che non hanno eguali nella storia della letteratura mondiale, ma in particolare per i suoi geniali e profetici scritti filosofici, custoditi nello ZIBALDONE, che ad una mente semplice possono apparire lugubre esternazioni di un folle, ma che diversamente ad una mente raffinata, confermano e svelano i misteri più nascosti della esistenza umana. Opera eccelsa, secondo me, sottovalutata e dimenticata, dal momento che non mi risulta occupi un posto di primo piano nella coscienza dei santoni della cultura italiana e mondiale, anche se LEOPARDI da questi signori è considerato ipocritamente un gigante.
Di seguito la poesia più amata: L’Infinito. Grazie al formidabile articolo su Leopardi sul sito di Serena Bucci che vi invito a visitare.


Dal sito:
http://serena-ilsuospazio.blogspot.it/2013/01/leopardi.html

2 commenti:

  1. Sei SI CURO?
    Tu sai aMAR dolcemente nel TUO NAU fra GARE?

    RispondiElimina
  2. La solita infantile retorica.

    RispondiElimina

I commenti sono sottoposti a controllo.