sabato 31 ottobre 2015

Perchè stare con Putin


Perché stare con Putin? Perché la Russia guidata da Putin è l’unica nazione che combatte per davvero il terrorismo: quel terrorismo che altri hanno creato, finanziato, armato ed addestrato.

Noi stiamo con Putin perché in Afghanistan, Irak, Libia, Siria sono state fatte guerre rovinose che hanno portato caos e terrore. Ora si tratta di liberare queste terre dal fondamentalismo e di ricostruire Stati laici e civili in cui possano convivere mussulmani sciti e sunniti, cristiani e mussulmani; in cui le donne siano rispettate e l’istruzione sia obbligatoria per tutti.

Noi stiamo con Putin perché a tutte quelle guerre dissennate è seguito un flusso di profughi (o più in generale di immigrati) che rischia di sconvolgere i già delicati equilibri dell’Europa in una fase di stagnazione economica. La soluzione giusta è quella della Russia che ha creato “in Siria” campi profughi per i Siriani; altri invece “amano così tanto i profughi che fanno guerre per crearne di nuovi”.

Alfonso Piscitelli Fonte:

http://news.russia.it/index.php?option=com_easyblog&view=entry&id=348&Itemid=647

7 commenti:

  1. Senza alcun dubbio oggi le dichiarazioni ed il percorso di Putin e la Russia sono molto più vicino alla verità di quanto non siano narrazione e percorso di questo baraccone che è il mondo occidentale pro States. Favola mediatica ed accattivante narrata solamente per favorire una èlite assassina. Però non posso esimermi dal constatare che, comunque, la soluzione è dualistica … o bianco o nero e, comunque, ricorre alla guerra come estrema ratio. Sono una pacifista e, pur cosciente del fatto che capitalismo e sistema non lo sono affatto, continuo a credere che possa esserci una via “non violenta” alla verità. Va detto però che, effettivamente, montagne di menzogne sono narrate sulla Russia, ma attenzione … Putin, alla fine, è uno Zar e sinceramente scegliere fra uno Zar ed un imperatore … mi risulta un poco difficile.
    Ciao Marco ... abbracci.

    RispondiElimina
  2. Cara Rosa, della Russia i cittadini europei conoscono davvero poco, e quel poco anche male. La Russia, durante tutta la sua storia, è stata solo e sempre costretta difendersi. E' sicuramente l'unico stato al mondo che non ha mai aggredito una nazione per espandersi o depredarla come hanno sempre fatto gli occidentali. Nonostante dalla propaganda occidentale, la Russia, è aggressiva. Ma la verità è esattamente l'opposto. La Russia è stata sempre aggredita e lo è ancora oggi.

    Riguardo Putin dici che è uno Zar ..... No cara Rosa, Putin non è uno Zar, perchè è stato eletto democraticamente dal popolo russo. Se proprio vogliamo stabilire chi sono i veri Zar, allora ti faccio qualche nome: Obama, in primis, perchè non viene aletto dal popolo ma da grandi elettori circa 500. Tale pratica elettiva, era usata nel Medio Evo per eleggere imperatori e Re. In Russia il capo dello stato è eletto dal popolo ... come precisavo sopra, e Putin gode di un consenso che non ha eguale in nessun altro paese del mondo 80%, Obama circa il 35% dei cittadini.

    Allo stesso modo, sono Zar tutti i capi di stato europei perchè vengono eletti dalle lobby e dalle multinazionali, esattamente come negli stati uniti. A conti fatti, la vera democrazia la trovi in Russia, lo stesso vale per i diritti civili e i servizi fondamentali dei cittadini del tutto a carico dello stato. Allora mi chiedo come fai a dire che Putin è uno Zar? - Per rispetto della verità ... mi appello alla storia degli ultimi due millenni. L'Occidente ha lasciato una infinita scia di sangue .... sangue che continua a scorrere. Basta guardarsi intorno, e a farlo scorrere non è Putin, ma Obama e l'Intera Europa. Quanto sopra per onorare la verità che spesso viene sepolta dalla propaganda e dalle menzogne.
    Ciao Rosa, e grazie per gli abbracci che ricambio con calore e simpatia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marco... per carità, non è certo mia intenzione polemizzare... non conosco così bene la Russia come sembra la conosca tu, che dall'accoramento mi sembri russo e putiniano. Quello che so è che non stiamo parlando della Russia Sovietica, ma di quella oligarchica, sul fatto che non vi siano mai stati eserciti russi aggressivi ed invasivi, non ne sono così certa, dagli Zar in poi mi pare che qualche cosa sia stato fatto Cecoslovacchia, Afghanistan, Cecenia ...Ucraina, anche se spesso difensivi, ci sono eserciti in ballo e si fa la guerra, sparando blocco contro blocco ed io sono pacifista, lo ripeto, non credo che alla guerra si risponda con la guerra. Non ho esaltato l'occidente, non ho parlato bene di Obama o di Renzi, non mi pare, ma ritengo che Putin sia della medesima pasta ... un uomo di potere ed un membro dell'èlite mondiale. Lungi da me quindi proporre alternative occidentaliste o atlantiste, ma sono convinta che il potere degli oligarchi, innegabile che in Russia essi siano al potere, non sia poi così diverso o più nobile di quello delle lobbies è solo, temo, organizzato diversamente e concorrenziale. Concordo invece, ed è per questo che mi astengo da qualsiasi polemica, che le nostre informazioni sulla Russia siano manipolate e filtrate a beneficio di questo "sistema", soprattutto dagli interessi USA ed atlantisti.

      ...però, suvvia, e sto (quasi) scherzando, dimmi con chi vai... e Putin era amico di Berlusconi, mi pare di ricordare!
      Simpatia a te! :)

      Elimina
  3. Cara Rosa, neppure io ho intenzione di polemizzare e non credo di aver messo dell'animosità nella mia risposta, ho fatto solo delle precisazioni che peraltro riconosco essere opinabili. Anche io detesto la guerra, e penso che finchè gli uomini faranno la guerra la barbarie non cesserà, ma se uno stato ti aggredisce, vuole appropriarsi delle tue risorse, cosa bisogna fare? Bisogna farsi invadere, sterminare come hanno fatto gli occidentali in questi ultimi decenni?
    Un conto è fare la guerra per aggredire, altro è difendersi da chi vorrebbe distruggerti. Devi riconoscere che le due cose non possono essere messe sullo stesso piano altrimenti equivale a colpevolizzare la vittima allo stesso modo del carnefice.
    Riguardo che Berlusconi sia amico di Putin, questo non significa che la morale di Putin sia la stessa di Berlusconi .... e comunque con gli ultimi governi e il maggiore potere assunto dalla Troika, più il servilismo di Renzi e la sua tracotanza; e tenuto conto che il peggio non è mai morto, Renzi è riuscito con i suoi comportamenti dittatoriali a farmi ricredere anche su Berlusconi allo stesso modo in cui il PD, mi fa rimpiangere la Vecchia DC.

    Detto questo benchè tante cose del tuo ragionamento non le condivido, ho il massimo rispetto.
    Ti lascio con un saluto e un abbraccio.
    Marco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quindi non polemizziamo? Bene ottima scelta! eheh
      Concordo, il diritto alla difesa esiste, anche per un pacifista, sebbene si possa sempre scegliere la non violenza, nel caso della Russia e di Putin, però temo non si stia parlando di un assoluto non violento, non è Gandhi, la repressione del dissenso interno, la morte 'accidentale' di troppi giornalisti e giornaliste, che non lo amavano ... il suo comportamento come capo assoluto del suo paese ed il suo esercito in Cecenia...L'armata rossa, impegnata nel tempo in vari teatri in modo decisamente non solo difensivo ... non fa pensare alla Russia degli oligarchi come ad un paradiso della democrazia. Detto questo, però, non è nemmeno il mostro che i media occidentali descrivono, è vero...
      Abbiamo punti di vista diversi, ma questo può succedere. Io, per esempio, non ho alcuna nostalgia della DC, non ho rivalutato Berlusconi ed i suoi amici, non amo Renzi e lo vedo come continuatore del berlusconismo e come servo della troika.
      Ma finisco qui, questo ping pong, seppur piacevole, di botta e risposta aggiungendo che un abbraccio, un saluto ed il massimo rispetto vengono resi, così come sono stati dati...
      Ciao Marco :)

      Elimina
  4. Cara Rosa, per esprimere dei giudizi sulla Russia, devi prima conoscerla, studiare la sua storia a partire dalle origini altrimenti se ragioni con le informazioni della propaganda televisiva, non potrai mai esprimere opinioni corrette. Riguardo Renzi punti di vista, sei libera di pensarla come ti pare, ma i fatti sono sotto gli occhi di tutto, bisogna solo prenderne atto. Della Dc, non solo la rimpiango perchè l'asse DC PC, rese grande e prospero questo paese, eravamo un paese libero e sovrano diversamente da ora che siamo sudditi della Troika, quindi non solo rimpiango quel periodo storico, ma ho dei ripensamenti anche su Andreotti che rispetto a questi nani era un grande statista. Tu puoi pensarla come ti pare, ma questo occidente in mano agli USA che sono dei sterminatori nati mi fa sempre più schifo, e la gente diventa sempre più cieca e incapace di discerne il bene dal male, la ragione dal torto. Se vuoi capirci qualcosa del mondo in cui esisti mi dispiace dirlo, ma devi studiare dato che il tuo ragionamento è qualunquista.
    Cordiammente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marco,
      beh (posto che il "giudizio" è sempre sbagliato) sarebbe sempre meglio conoscere qualsiasi cosa prima di parlarne ed io ho premesso di non conoscere bene la Russia come la conosci tu ... e di non voler essere polemica (detesto lo scontro in ogni sua forma!) ... ho solo espresso ciò che penso. E bada bene, ho detto "ciò che penso IO!" e non ciò che passa la televisione, visto che l'ho buttata da tempo immemore e non leggo i quotidiani mainstream ... non mi interessa la politica in generale e men che meno quella italiana (ne sono schifata!), sono antisistema e profondamente anarchica...
      Detto questo, francamente, non mi aspettavo da te una risposta di questo tipo!
      Cioè, tu mi stai dicendo che non sono una persona informata, che sono indrottinata dalla televisione (quindi influenzabile!) e che se voglio 'capirci qualcosa' devo studiare... chè il mio modo di ragionare è qualunquista! ???
      Sono basita! E' vero, io non conosco la storia della Russia, ma tu non conosci me! Forse potevi evitare questo tipo di illazioni ... ma credo che in futuro sarò io ad evitare di esprimere, qui, ciò che penso.
      Cordialmente.

      Elimina

I commenti sono sottoposti a controllo.