martedì 16 agosto 2011

Vincent Van Gogh

Vincent Van Gogh

Vincent Van Gogh nasce a Groot Zundert, nei pressi dell'Aia, in Olanda, nel 1853. Conosciuto dal grosso pubblico come l’artista pazzo….. quello che si è tagliato l’orecchio. In realtà si tagliò solo una piccola parte del lobo sinistro. Negli ultimi tempi, Vincent, dipingeva un quadro al giorno, ma pare che nessuno si accorgesse di lui. Campo di grano con corvi è custodito nel museo di Amsterdam. Fu dipinto nel mese di luglio del 1890 in Auvers Sur Oise, Francia. Il dipinto olio su tela misura 50,5 x 103 cm. dai critici contemporanei è considerato un capolavoro rivoluzionario. Paroloni  scoppiettanti per compiacere i collezionisti che non di rado con i critici dimostrano una generosità interessata. 

Secondo me non è tra i suoi lavori più importanti. Il quadro sopra campo di grano con vortici o qualcosa del genere, che indubbiamento trasmette visioni di realtà invisibili, è più intenso, di campo di grano con corvi, oltre a rappresentare con maggiore fedeltà la natura trascendente di Vincent. Considerando il mondo dell’arte e gli interessi dei collezionisti, a mio avviso, campo di grano con corvi, tra le sue opere è la più famosa perché legata alla sua morte. 
Vincent era tormentato dai colori vivi, forti e sanguigni. I critici non sanno spiegarsi come sia possibile che un uomo in tali condizioni mentali, (poveretti…) riuscisse a dipingere opere così intense.  Per me la risposta è semplice: Vincent non era pazzo, era un uomo ossessionato da grandi problemi esistenziali tra cui quelli spirituali e quindi in perenne conflitto perché non riusciva a trasferirli sulla tela. Difatti ciò che per gli altri era malattia mentale per lui era ricerca dell’illuminazione.  Secondo me, fu grazie all’ossessionante ricerca del soprannaturale che riuscì a realizzare le sue opere.
Van Gogh, si considerava un profeta, e anche un pensatore. I pensieri uscivano dalla sua testa come un fiume in piena che si riversavano giorno dopo giorno in centinaia di pagine. Scritti che il grande pubblico ignora, perché fu scelto di lasciare tutta la scena alle sue opere.
Tutto ciò che bisogna fare per scoprire il vero Van Gogh …. non il folle, ma il pensatore che osserva la realtà, è leggere le sue lettere. Né scrive a centinaia, in gran parte destinate al fratello minore Teo, di cui senza di lui, Vincent non sarebbe mai esistito. Perché fu grazie a lui che lo sosteneva con un assegno mensile, a darle la possibilità di liberare la sua vena artistica. Vincent, non fu una creatura assetata di puro istinto come potrebbe apparire ad una prima lettura, ma un uomo assetato di conoscenza e di spiritualità. La sua mente era attiva e sensibile. Molto diverso da come lo vedevano le persone che lo incontravano per strada e nei bar. Ossia quel rozzo, ignorante nevrotico butterato e alcolizzato, che andava in giro con un cappotto mezzo mangiato dalle tarme. 
A modo suo era un mistico, perché non faceva mistero di essere alla ricerca della salvezza della sua anima. Suo padre il reverendo Teodoro Van Gagh pastore di un villaggio del sud dei paesi bassi, non perdeva occasione di rimproverarlo per il suo stile di vita. Così per addolcirlo, pur disprezzando le gallerie d’arte, segui suo zio che lo convinse a recarsi a Londra a fare il mercante d’arte. Purtroppo Vincent invece di vendere oggetti d’arte, scoprì la fede in Gesù, e non perdeva occasione di dedicarsi alla salvezza delle anime nei bassifondi,  tra ladri, alcolizzati e prostitute. Attività che evidentemente la chiesa non gradiva. Difatti la congregazione religiosa a cui faceva capo, lo allontanò definitivamente. 
Tornato a Parigi, a quasi 30 anni, stanco e deluso, si dedica ad una nuova vocazione: la pittura. Ma non credo che fosse qualcosa di nuovo per lui, perchè sotto la cenere, covava un fuoco pronto ad infiammare la sua anima. Così iniziò a dipingere pur non conoscendo nulla di pennelli e colori.  Iniziò improvvisando, ma è solo un modo di dire perché Vincent la pittura l’aveva nel sangue. A lui non importava che non avesse alcuna preparazione. 

Personalmente, penso che non fu un limite ma considerando il personaggio fu un vantaggio perché questo le permise di essere libero da qualsiasi influenza e condizionamento, altrimenti non credo avrebbe dipinto con quello stile così unico, e usato colori tanto vivi e corposi. Così ancora una volta, l’arte trionfò, dove la chiesa falli.
Nell’ambiente parigino ebbe un solo vero amico: René Goguen, con cui divise la stanza per circa due mesi. Ma i due non andavano d’accordo difatti Gouguen incominciò a sentirsi  soffocato dalla presenza di Vincent, nonostante Vincent provasse per lui una grande ammirazione al punto da chiamarlo maestro. Ma dato che le liti diventavano sempre più frequenti e violente decide di andare via. Avevano due modi opposto di concepire la pittura e la vita. Per Vincent la pittura era sprofondare nella realtà, nella terra, nella fatica, per Goguen la pittura e la vita erano una specie di sogno. Così Vincent rimase nuovamente solo e isolato. 
Cercò di vincere l’isolamento dipingendo senza sosta. Ma si sentiva frustrato e umiliato perché non riusciva a vendere nessuno dei suoi quadri. Quando non dipingeva, trascorreva il suo tempo con ubriaconi e prostitute, di cui una divenne la sua compagna da cui ebbe un bambino. In sintesi Vincent contro il parere di tutti i familiari, compreso il fratello a cui era tanto legato, si abbandonò ad una vita dissoluta, fatta di espedienti e di alcol.  Nonostante l’assegno mensile del fratello Teo non venne mai meno.  Vincent, per ricambiarlo, gli mandava tutti i quadri che dipingeva e si arrabbiava se Teo nonostante fosse proprietario di una galleria d’arte, non era mai riuscito a vendere un suo quadro. Teo cercava di giustificarsi affermando che la sua arte era troppo in anticipo sui tempi per essere compresa.

In seguito Vincent fu abbandonato dalla sua compagna che rifiutava il tentativo da parte sua di trasformarla in una brava massai olandese. Preferì la strada. Vincent, aveva poco più di 30 anni ma ne dimostrava oltre quaranta, cosa che amava ripetere di continuo anche lui, forse per esorcizzare il suo continuo declino fisico e mentale. Il fratello Teo per aiutarlo a ritrovare se stesso acquistò una casa a 30 km da Parigi, Auvers sur Oise, dove dipinse la maggior parte dei suoi quadri, ma le ossessioni che lo tormentavano non si placavano. La sua anima era tormentata perché non riusciva a dare forma alle sue visioni, al suo mal di vivere. Così conobbe l’umiliazione del manicomio. Giunse all'ospedale psichiatrico di Saint-Rémy Arles  l’8 maggio del 1889 dopo essersi asportato una parte del lobo dell’orecchio sinistro. Vi restò 53 settimane, nelle quali dipinse 150 quadri. Tentò di avvelenarsi ingerendo i colori dei tubetti e bevendo il cherosene delle lampade.  Il manicomio fu una esperienza terribile che sicuramente minarono definitivamente sia il fisico che la mente. (Nei manicomi in quel periodo storico l’unica cura che si praticava era la tortura). 

Non saprei come altro definire la costrizione per ore, due volte la settimana immersi in una vasca di acqua gelata. Incredibile a dirsi. La “scienza” in quel periodo storico curava i disturbi del comportamento con l’acqua gelata. ( E la chiamavano scienza). Ed evito riferimenti ad altre forme di tortura e lo stato catatonico in cui erano ridotti i pazienti per le forti dose di bromuro, quando non venivano incatenati al letto o al soffitto. E non è finita! A distanza di oltre un secolo e malgrado la legge lo proibisce, ancora oggi, alcuni malati mentali vengono trattati con l’ elettroshock. (Questi criminali chissà perché li chiamano medici invece che macellai?).

Nel maggio del 1890 Van Gogh lascia il manicomio di Saint-Rémy e si stabilisce a Auvers-sur-Oise, un villaggio nei pressi di Parigi. Il suo equilibrio mentale ormai era alla deriva. Difatti il 28 luglio dopo essersi disteso in una buca di letame, si sparò un colpo di rivoltella al petto mettendo così fine ai suoi tormenti. Il fratello lo trovò agonizzante. Teo per un momento pensò che Vincent potesse riprendersi, ma il giorno seguente la febbre aumentò e perse conoscenza. Morì tra le sue braccia il 29 Luglio 1890 e fu sepolto fuori dal paese perché essendo suicida la chiesa negò di benedire la salma e la sepoltura nel cimitero comunale. 

Teo non riuscì a riprendersi dalla perdita di Vincent, e in breve tempo la sua salute peggiorò fino a condurlo alla morte circa un anno dopo il decesso del fratello. Prima di morire espresse la volontà di essere sepolto accanto a suo fratello Vincent. Un affetto che continuò anche dopo la morte. Un raro esempio di amore fraterno.  Per quanto possa credere, e senza nulla togliere a Vincent, il vero grande artista fu proprio Teo. Fu un geniale artista dell’anima. Un tipo di arte che nel tempo è andata quasi persa perché i sentimenti sul mercato valgono niente ….
A suo fratello Teo in una delle tante lettere scrisse: Che cosa sono io agli occhi della gran parte della gente ….. una nullità?
Perché si uccise?

I biografi sono propensi a credere che si sia suicidato perché ossessionato dal fatto che non riusciva a vendere i suoi dipinti. Personalmente non credo affatto che si uccise per una stupidaggine simile. Piuttosto penso che si suicidò perché non riuscì a trovare una dimensione in cui poter  coesistere con le sue ossessioni. 

Fonti:
Van Gogh: I geni dell'arte di Paola Rapelli e Alfredo Pallavisini - 2008 –Ed. Mondadori

Follia? - Vita di Vincent Van Gogh di Giordano B. Guerri - 2011 – Ed. Bompiani

Doc - History Channel – Il grande potere del genio di Van Gogh -2011

Arte e Anima per quanto riguarda il parere crtitco rispetto la sua fede, la presunta follia e le sue opere.

2 commenti:

  1. sai che uno scienziato che studia la mia cecità ha azzardato un'ipotesi su van gogh? pare che soffrisse anche di una forma di cecità progressiva, ma come per me, non dovuta a patologie dell'occhio bensì della corteccia visiva, in poche parole quella chiamata blindsight, o cecità corticale.
    se fosse vero i suoi quadri, che mi sono goduta anni fa quando ancora ero super vedente ad amsterdam nel museo a lui dedicato, rappresentano una testimonianza pazzesca di ciò che si vede con poca vista, cioè con l'ipovisione che quasi sicuramente lo aveva colpito, soprattutto col quadro che dici del campo di grano si capisce che vede da dentro, chissà forse era già quasi cieco.
    c'è poi un'altra cosa che in pochi sanno: lui visse nel periodo in cui in olanda ci fu il fenomeno della luce, fenomeno che lasciò tantissimi olandesi disabili della vista, per questo l'olanda diventò una delle nazioni più all'avanguardia per la cura di cecità e ipovisione.
    lo scienziato in questione che tidicevo è semir zeky, un libanese che sta all'università di londra e che studia la mia cecità: il libro è "la visione da dentro: arte e cervello", un libro che vorrei tanto leggere ma che esiste solo in carta e non in digitale.
    ciao marco, un abbraccio, laura

    RispondiElimina
  2. Sicuramente Van Ghog e tutti gli artisti olandesi furono ispirati, e per certi versi privilegiati, dal fenomeno della luce in quell’epoca. Ma tale evento, conferma il talento dell’artista che ha saputo sfruttare la luce in modo magistrale. Riguardo la sua presunta cecità, come sostiene Semir Zeky, non so molto in merito a parte che Van Ghog alla visita militare trovarono che il suo occhio sinistro era quasi cieco. Ma se vedo i suoi dipinti, le sue opere, rimango perplesso, dato la precisione delle linee e la nettezza dei colori …. e le particolari sfumature che contraddistinguono le sue opere. Non credo che un quasi cieco avrebbe potuto dipingere con tanta nitidezza e precisione.
    Del libro di cui parli cercherò di vedere meglio, per rendermi conto ….
    Gli olandesi sono sicuramente all’avanguardia nello studio della cecità, ma il problema mi pare ancora irrisolto. Penso che soprattutto per la cecità corticale, bisognerebbe trovare la maniera di ripristinare i collegamenti interrotti, piuttosto che puntare sulla tecnologia, come invece mi pare stia avvenendo. Ma pure qui, con scarsi risultati. Comunque sia, ci vedo del marcio in tale studio perché se guardiamo i progressi fatti dalle armi di puntamento, radar e sensori ottici militari, rimango sospettoso se gli studi rivolti alla cecità come a tante altre malattie secolari, non trovano soluzione.

    Ciao Laura, un abbraccio forte
    Marco

    RispondiElimina

I commenti sono sottoposti a controllo.